Per la Corte Suprema i litigi tra mamma e papà possono danneggiare l’equilibrio psicofisico della prole e sono quindi da considerare come maltrattamenti in famiglia.

Litigare con veemenza davanti ai figli minori è reato. Lo ha affermato in una recente sentenza la Corte di Cassazione.

Litigare in continuazione, spiegano i supremi giudici, crea un danno psicologico ai bambini che restano sconvoliti e coltivano paure e insicurezza che si ripercuotono nell’arco della loro crescita.

I minori devono essere protetti da ogni forma di brutalità e maltrattamenti, per questo i litigi tra marito e moglie sono una violenza sui figli: il reato di maltrattamenti in famiglia, disciplinato dall’articolo 572 del codice penale, è punito con la reclusione da uno a cinque anni.

E con la recente sentenza della Cassazione il concetto di maltrattamento viene ampliato: non è necessario infatti che il bersaglio dell’aggressione sia il bimbo, a cui basta assistere una scena violenta per essere “maltrattato”.

Si può parlare dunque sia di violenza attiva che di violenza “passiva”, precisa la Corte, secondo cui il reato di maltrattamenti in famiglia si può configurare anche quando i figli sono coinvolti indirettamente, in qualità di semplici spettatori delle liti più veementi che avvengono tra le mura domestiche.

E non solo in caso di percosse, bastano anche ingiurie, intimidazioni, umiliazioni, a maggior ragione se queste ultime non sono casi isolati ma si protraggono nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
27
gio
14:30 L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Giu 27@14:30–18:30
L'assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma approvata dalla Camera @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Vi segnaliamo il Convegno che si terrà presso il Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1  il 27 giugno dal titolo “L’assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma[...]
16:30 I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
Giu 27@16:30–19:30
I maltrattamenti in famiglia e gli atti persecutori: delitti prodromici al femminicidio @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
  La partecipazione è gratuita e dà diritto a n.3 crediti formativi per gli Avvocati manifesto 27 giugno  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
28
ven
15:00 Crisi familiare e bigenitorialità @ Palmi, Aula ex Assise del Tribunale di Palmi
Crisi familiare e bigenitorialità @ Palmi, Aula ex Assise del Tribunale di Palmi
Giu 28@15:00–18:00
Crisi familiare e bigenitorialità @ Palmi, Aula ex Assise del Tribunale di Palmi
Sono stati concessi n. 3 crediti formativi dal COA di Palmi.Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio