Cinque coltellate sferrate mentre facevano colazione, al termine di una discussione all’alba, mentre loro bambina di nove anni dormiva ancora. Così Dario Solomita, 41 anni, ha ucciso la moglie Giuseppa ‘Pina’ Caruso a Carpi, nel Modenese. L’uomo, in preda a una crisi di gelosia, intorno alle 6.30 ha afferrato un coltello da cucina e trafitto la donna, 45 anni al petto e al braccio, non dandole scampo. Ha poi chiamato la polizia, raccontando quanto aveva compiuto, e i suoceri, chiedendo che venissero a prendere la nipote.  Un omicidio che ha scosso la comunità di Carpi, quello consumato mentre ancora la città sonnecchiava. La Caruso, originaria di Catania, era un’impiegata comunale conosciuta e stimata. Il marito, operaio termoidraulico nato ad Avellino, non aveva a quanto risulta problemi economici, né aveva dato particolari segni di disagio negli ultimi tempi. Chi conosceva la coppia tutt’al più parla di alcuni dissidi recenti, ma nulla che potesse far presagire un epilogo così tragico. Solomita, in stato confusionale, è stato arrestato e portato dalla polizia nel commissariato. Avrebbe riferito, durante un interrogatorio durato tre ore davanti al sostituto procuratore Marco Niccolini, di temere che la moglie lo tradisse e di aver perso il controllo. E’ ora accusato di omicidio volontario pluriaggravato e in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto davanti al Gip di Modena. Davanti al condominio di via Lama teatro del delitto si sono presto radunati i parenti increduli dei due coniugi. Tutti uniti dal dolore e dalla condanna di un gesto per loro inimmaginabile. L’unica, labile traccia di disagio lasciata da Solomita negli ultimi tempi compare su Facebook in Internet. Con un clic, alle 4.23 del 17 marzo, aveva cambiato la propria situazione sentimentale pubblicata sul sito da ‘sposato’ a ‘relazione complicata’. Forse il segno di un rapporto che si stava deteriorando tra marito e moglie. Ma non erano seguiti commenti a questo cambiamento di stato. Che forse tutti gli amici avevano ritenuto solo virtuale.


fonte: Ansa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Gianni Loiacono
    "RIFORMA PILLON. La riforma sembrerebbe un fatto positivo perché da... "
    Leggi tutto...
  •  marco
    "esatto conosco diversi casi in cui gli assistenti del comune... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio