TRIBUNALE DI LATINA provvedimento 08.01.2013: diritto del minore a mantenere un rapporto equilibrato e continuativo nel caso in cui la madre cambi la propria residenza e quella del figlio-poteri del Tribunale di rimodulare gli incontri padre-figlio-mediazione familiare

 

Con provvedimento emesso in data 8 gennaio 2013, il Tribunale di Latina ha confermato a chiare lettere il diritto del minore a mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con il padre nel caso in cui la madre cambi arbitrariamente la propria residenza e di conseguenza quella del figlio.

In qualità di legale, il signor C. mi rappresentava che la signora K aveva trasferito autonomamente, la residenza del proprio figlio a più di 500 Km di distanza da quella paterna, impedendogli di incontrare, in questo modo e con immotivati comportamenti ostruzionistici, il  bambino nei giorni infrasettimanali allo stesso concessi in virtù dei provvedimenti di separazione personale dei coniugi. Il signor C, pertanto, provvedeva a depositare ricorso ex art 709 ter c.p.c. presso il Tribunale di Latina al fine di veder riconosciuto il diritto del piccolo L. ad intrattenere rapporti continuativi con il padre. Si costituiva la signora K. la quale contestava quanto dedotto dal proprio marito adducendo che il proprio trasferimento fosse giustificato dalla ricerca di una posizione lavorativa migliore e chiedeva, altresì, incontri protetti.

Il Tribunale di Latina, in composizione collegiale, pur giustificando l’arbitrario cambio di residenza della signora K, viste le plausibili motivazioni lavorative della stessa, a modifica di quanto previsto in sede di separazione rimodulava gli incontri padre-figlio, ampliando i termini e le modalità di visita del padre al bambino. Sul presupposto che “appare essenziale l’affido condiviso, deve essere rimodulata la frequentazione del padre con il minore, al fine di rendere effettivo il diritto del figlio a mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori e conservare rapporti significativi con gli ascendenti e parenti di ciascun ramo genitoriale (…) pertanto va rimodulata per il padre, di fatto penalizzato dalla nuova situazione, la frequentazione disposta dal Tribunale in sede di omologa. Proprio la notevole distanza tra la residenza attuale del padre, e quella del minore determina chiaramente uno squilibrio dei rapporti con il minore e ciò con riferimento a indici immediatamente rilevabili quali i tempi di frequentazione. Sopratutto in riferimento alla circostanza che il ricorrente abbia manifestato la volontà e disponibilità a mantenere uno stretto rapporto con il figlio.(…) Si ritiene idoneo, e quindi, rispettoso della “ratio legis”un sistema incentrato sul diritto-dovere del padre di partecipare alla vita del figlio durante l’arco della settimana o in particolari periodi senza escluderlo dalla sua vita quotidiana, rientrando la rimodulazione dei periodi in cui il ricorrente potrà tenere presso di sé il figlio, in relazione alla nuova situazione determinatasi, nei poteri officiosi del giudice nella materia “de qua””.

Il Tribunale di Latina, inoltre, con una pronuncia lungimirante,  invitava espressamente i genitori del piccolo L. ad intraprendere un percorso di mediazione familiare (seppur su base volontaria) in virtù del principio secondo cui gli evidenti attriti tra le parti alla lunga possono nuocere ad un corretto sviluppo psico-fisico del minore.

Avv. Claudia Depalma

Responsabile AMI-Sezione territoriale di Latina

Consiglio Direttivo AMI Lazio

Scarica il testo completo della sentenza del Tribunale di Latina

3 risposte a Cambio di residenza: il minore ha il diritto a mantenere un rapporto equilibrato con i genitori

  • salvatore scrive:

    Condivido la decisione del tribunale di Latina in linea di principio e non avendo letto l’intero decreto purchè oltre all’allungamento del tempo di permanenza con il padre, se possibile, La madre accompagni il figlio presso il padre e, quindi, il padre presso la casa materna. Ciò perchè si onererebbe in termini economici e di sacrifici il padre qualora fosse solo questi a prelevare e riportare il figlio presso la casa materna con indubi strumenti forniti alla madre qualora fosse malevola.

  • salvatore scrive:

    Ho letto la sentenza, anche questa è tutta a favore della madre anche perchè se da una parte accorda le visite dall’altra ne carica tutto l’onere al padre compresi costi di viaggio e relativi sacrifici del medesimo in particolare se determinati. Di fatto, se il padre versa in condizioni economiche incapaci di contenere i costi di viaggio che dovrà sopportare oltre il mantenimento e se mancasse del vigore fisico occorrente ad affrontare il viaggio di andata e ritorno soprattutto nello stesso giorno o, altrimenti, con costi per l’albergo, Non vedrà e non seguirà il figlio come dovrebbe e ciò a causa di una decisione autonoma presa dalla madre. Tutto ciò che sembrerebbe un passo avanti è invece un ulteriore modo per stare dalla parte della madre. Di fatto, è tutto uno schifo.

  • Loredana scrive:

    Se il padre non versa l’assegno di mantenimento dovrà almeno onerarsi di coprire i costi per il viaggio! Oltre ai diritti esistono i doveri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio