Uno dei problemi più difficili da risolvere, quando ci si separa o divorzia, è conoscere la situazione reddituale e patrimoniale dell’altra parte; si tratta di un dato fondamentale per determinare se e in che misura è dovuto l’assegno di mantenimento per il coniuge o per i figli.

Sino a oggi chi voleva nascondere l’esatto ammontare dei suoi redditi e del suo patrimonio aveva gioco facile nell’appellarsi al diritto alla privacy; era infatti necessario un provvedimento del Giudice per avere accesso alla cosiddetta Anagrafe dei rapporti finanziari, un mega archivio dell’amministrazione finanziaria dove sono conservati non solo i dati delle dichiarazioni dei redditi -che in un paese ad alto tasso di infedeltà fiscale non sempre sono lo specchio fedele delle possibilità economiche- ma anche e soprattutto quelli relativi ai conti correnti, risparmi, depositi postali e ad ogni operazione di natura economica.

Il Consiglio di Stato ha rotto il “giochino” e punito i “furbetti”.

Con una recentissima sentenza, fissando un principio di diritto alla cui applicazione nessuna Agenzia delle Entrate potrà più sottrarsi, i massimi giudici amministrativi hanno infatti stabilito che una parte (uomo o donna che sia) in fase di separazione, anche in caso di coppia di fatto se ci sono figli, divorzio o scioglimento dell’unione civile, può fare direttamente richiesta all’Agenzia delle Entrate del luogo in cui risiede l’altra parte per farsi rilasciare tutte le informazioni economiche necessarie: dichiarazioni dei redditi, contratti di locazione stipulati, indicazione dei conti correnti, conti titoli, depositi e risparmi, anche se detenuti tramite una fiduciaria, contratti o operazioni sottoposte a registrazione.

La sentenza dei Giudici amministrativi di fatto impone un obbligo di trasparenza tra ex e sicuramente faciliterà il raggiungimento di accordi con conseguente decongestionamento della già ingolfata macchina della giustizia.

Nascondersi o negare l’evidenza, come spesso accade nei giudizi familiari, non porterà più da nessuna parte.

https://www.repubblica.it/economia/diritti-e-consumi/famiglia/2020/11/08/news/separazione_e_divorzi_basta_segreti_sui_conti_correnti_e_sui_redditi_si_potra_sapere_tutto_del_coniuge-273305628/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Fortunato Rocco Aquino
    "Caro collega che la terra ti aia liece "
    Leggi tutto...
  •  Александр
    "30 LUGLIO 2019 Con l ordinanza n. 9990 del 10.04.2019... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »
Feb
5
ven
15:00 “Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
“Il Conflitto familiare – Rifles... @ Pescara - webinair
Feb 5@15:00–18:00
“Il Conflitto familiare – Riflessioni giuridiche e psicologiche” @ Pescara - webinair
Per l’evento verrà presentata richiesta di accreditamento al CNF per il riconoscimento crediti formativi per la formazione professionale continua Avvocati. Per prenotarsi occorre effettuare la registrazione al seguente link https://us02web.zoom.us/webinar/register/ WN_Y8G1q528Swu9hQl6m5HQWw . La partecipazione è[...]
Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 14:00 alle 17:00), 34 moduli[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio