Uno dei problemi più difficili da risolvere, quando ci si separa o divorzia, è conoscere la situazione reddituale e patrimoniale dell’altra parte; si tratta di un dato fondamentale per determinare se e in che misura è dovuto l’assegno di mantenimento per il coniuge o per i figli.

Sino a oggi chi voleva nascondere l’esatto ammontare dei suoi redditi e del suo patrimonio aveva gioco facile nell’appellarsi al diritto alla privacy; era infatti necessario un provvedimento del Giudice per avere accesso alla cosiddetta Anagrafe dei rapporti finanziari, un mega archivio dell’amministrazione finanziaria dove sono conservati non solo i dati delle dichiarazioni dei redditi -che in un paese ad alto tasso di infedeltà fiscale non sempre sono lo specchio fedele delle possibilità economiche- ma anche e soprattutto quelli relativi ai conti correnti, risparmi, depositi postali e ad ogni operazione di natura economica.

Il Consiglio di Stato ha rotto il “giochino” e punito i “furbetti”.

Con una recentissima sentenza, fissando un principio di diritto alla cui applicazione nessuna Agenzia delle Entrate potrà più sottrarsi, i massimi giudici amministrativi hanno infatti stabilito che una parte (uomo o donna che sia) in fase di separazione, anche in caso di coppia di fatto se ci sono figli, divorzio o scioglimento dell’unione civile, può fare direttamente richiesta all’Agenzia delle Entrate del luogo in cui risiede l’altra parte per farsi rilasciare tutte le informazioni economiche necessarie: dichiarazioni dei redditi, contratti di locazione stipulati, indicazione dei conti correnti, conti titoli, depositi e risparmi, anche se detenuti tramite una fiduciaria, contratti o operazioni sottoposte a registrazione.

La sentenza dei Giudici amministrativi di fatto impone un obbligo di trasparenza tra ex e sicuramente faciliterà il raggiungimento di accordi con conseguente decongestionamento della già ingolfata macchina della giustizia.

Nascondersi o negare l’evidenza, come spesso accade nei giudizi familiari, non porterà più da nessuna parte.

https://www.repubblica.it/economia/diritti-e-consumi/famiglia/2020/11/08/news/separazione_e_divorzi_basta_segreti_sui_conti_correnti_e_sui_redditi_si_potra_sapere_tutto_del_coniuge-273305628/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Fortunato Rocco Aquino
    "Caro collega che la terra ti aia liece "
    Leggi tutto...
  •  Александр
    "30 LUGLIO 2019 Con l ordinanza n. 9990 del 10.04.2019... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »
Nov
25
mer
10:30 Webinar: 25 novembre – giornata... @ webinair Roma
Webinar: 25 novembre – giornata... @ webinair Roma
Nov 25@10:30–12:30
Webinar:  25 novembre - giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne @ webinair Roma
La partecipazione all’evento formativo è riservato a chi è registrato alla NEWSLETTER giuridica gratuita di StudioCataldi.it (per i non iscritti, la registrazione al corso comporta anche la registrazione alla newsletter da cui è però possibile[...]
Nov
26
gio
16:00 FINE VITA: QUESTIONI APERTE @ Webinair Lecce
FINE VITA: QUESTIONI APERTE @ Webinair Lecce
Nov 26@16:00–18:00
FINE VITA: QUESTIONI APERTE @ Webinair Lecce
Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Nov
30
lun
15:00 “LA DEONTOLOGIA NEL DIRITTO DI F... @ webinair Ancona
“LA DEONTOLOGIA NEL DIRITTO DI F... @ webinair Ancona
Nov 30@15:00–18:00
"LA DEONTOLOGIA NEL DIRITTO DI FAMIGLIA" (civile, penale, minorile, tutela, curatela e amministrazione di sostegn @ webinair Ancona
Evento in fase di accreditamento per n. 4 crediti di cui n. 2 in deontologia Al webinar si accede tramite la piattaforma zoom dello studio cataldi iscrivendosi alla sua newsletter, anche ai fini del rilascio[...]

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio