Il padre vendeva la figlia di 13 anni per qualche spicciolo o per una bottiglia di birra, quasi ogni notte. Chi la comprava, in molti casi, organizzava stupri di gruppo in auto parcheggiate in aperta campagna, durante i quali alla minorenne venivano anche strappati i vestiti. Dopo aver subito per quasi due anni, in silenzio, le violenze sessuali, la giovane, ormai incinta e innamorata del suo fidanzato, ha trovato il coraggio di denunciare e fare arrestate il papà, un nullafacente di 39 anni, separato dalla moglie.


L’uomo, residente in un comune alle porte di Bari, è stato ammanettato dai carabinieri con l’accusa di prostituzione minorile aggravata. Stamattina è stato portato davanti al gip Jolanda Carrieri per l’interrogatorio di garanzia durante il quale ha cercato in qualche modo di difendersi, senza però essere convincente.


Ha chiesto un’attenuazione della misura cautelare, ma è quasi certo che resterà in carcere. Dalle carte processuali emerge uno scenario da incubo che – scrive il gip Carrieri nel provvedimento restrittivo – “si staglia su uno squallido scenario di degrado familiare e sociale, connotato da ogni forma di abusi, violenze e sopraffazioni”. Uno scenario in cui il papà della ragazzina era anche il suo padrone e faceva della tredicenne ciò che voleva quando la piccola era affidata a lui. La vendeva ai pregiudicati del suo paese in cambio di una birra, di qualche liquore scadente, ma anche di somme comprese tra i 10 e i 30 euro. E se la ragazzina si opponeva, la pestava con calci e pugni e poi l’accompagnava anche in ospedale per farla medicare. Ai medici la ragazzina diceva di aver avuto un incidente, oppure di essere caduta per le scale.


 L’incubo è durato 19 mesi, dal settembre 2004 all’aprile 2006, quando la giovane ha deciso di rivelare le violenze subite ai carabinieri. “Fortunatamente – scrive il giudice – la vittima, esausta del proprio stato di ‘sottomissione’ e del ripetuto mercimonio della propria persona, ha trovato la insperata forza di ribellarsi a quella realtà, raccontando con lucidità e precisione” la sua storia ai carabinieri e al pm inquirente, Giuseppe Scelsi. L’incubo è terminato il 4 ottobre 2006 quando la ragazzina, incinta, e assieme al papà del bimbo che portava in grembo, si é presentata in caserma, e ha rivelato le numerose violenze subite. Ha raccontato che il genitore la costringeva a vagare di notte a bordo della sua automobile, alla disperata ricerca di uomini a cui venderla.


Quando trovava i clienti riscuoteva il dovuto e dava loro appuntamento in una località di campagna, dove lasciava la figlia. Lì la ragazzina veniva abbandonata e, dopo aver subito le violenze, era costretta a tornare a casa a piedi, nel cuore della notte. Ai carabinieri che la ascoltavano increduli la giovane ha detto anche di avere problemi ginecologici provocati dalle violenze sessuali, abusi che mai nessun medico le ha riscontrato, nonostante le visite specialistiche. La minorenne ha anche ammesso di voler cambiare vita e di aver deciso di denunciare il padre per amore del fidanzato e del loro bambino, che ora ha pochi mesi e vive con la mamma in una casa protetta.
FONTE ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mag
23
gio
14:30 Le nuove frontiere dell’avvocato... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Le nuove frontiere dell’avvocato... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Mag 23@14:30–18:30
Le nuove frontiere dell'avvocato familiarista: il mediatore familiare e il consulente di comunicazione...istruzioni per l'uso @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi
Evento accreditato dal COA di Bologna (4 crediti formativi di cui 2 in deontologia forense). Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
16:00 Natura e funzione dell’udienza p... @ Aula Magna – Ordine Avvocati Castrovillari Tribunale di Castrovillari
Natura e funzione dell’udienza p... @ Aula Magna – Ordine Avvocati Castrovillari Tribunale di Castrovillari
Mag 23@16:00–19:00
Natura e funzione dell’udienza presidenziale nei procedimenti di separazione e divorzio @ Aula Magna – Ordine Avvocati Castrovillari Tribunale di Castrovillari
3 crediti formativi per gli Avvocati Al termine del Convegno, su richiesta, verrà rilasciato attestato di partecipazione. Locandina Convegno AMI 23 maggio 2019Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
7
ven
15:30 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRU... @ Sala Convegni — Palazzo Sales
Giu 7@15:30–18:30
AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO STRUTTURA E PRASSI @ Sala Convegni — Palazzo Sales
L’evento è in corso di accreditamento presso il C.O.A. di Trapani e l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Siciliana. La partecipazione è gratuita. Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. nlocandina evento AMI Erice[...]
Giu
13
gio
14:30 “La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
“La famiglia da isola che il mar... @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
Giu 13@14:30–18:30
“La famiglia da isola che il mare del diritto doveva solo lambire a terra di conquista” @ BIELLA - Sala Becchia - Via Quintino Sella, 12
L’evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella (3 crediti formativi). E’ possibile iscriversi inviando una Mail a: avv.chiara.reposo@studiolegalereposo.it o un fax al: 0142.690319 Convegno Biella  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio