L’Agenzia delle entrate aveva opposto ragioni di riservatezza alla richiesta della moglie di conoscere la situazione patrimoniale del compagno da cui si stava separando ed è stata condannata a consentire l’accesso ai suoi archivi e a pagare le spese processuali.

Aveva chiesto di accedere all’archivio dell’Agenzia delle entrate del capoluogo pugliese per conoscere la situazione patrimoniale dell’ex marito o meglio i suoi ultimi “movimenti” finanziari, ma dall’ente ha ricevuto un secco no. Così una donna di Bari ha deciso di rivolgersi ai giudici del Tar che le hanno dato ragione, riconoscendo il suo diritto ad accedere alle informazioni, contenute all’Anagrafe tributaria, perchè, c’è scritto nella sentenza, gli interessi dei figli prevalgono sul diritto alla riservatezza.

La donna che ha vinto la sua battaglia dinanzi al Tribunale amministrativo si sta separando dal marito. Un procedimento non semplice, caratterizzato da accuse reciproche. La signora, in particolare, accusa il suo ormai ex compagno di non aver contribuito al menage familiare e di aver messo da parte risparmi che in realtà erano di entrambi e che comunque sono necessari per il mantenimento e la crescita dei figli minorenni. Un particolare non di poco conto, decisivo per la determinazione dell’assegno di mantenimento.

Per questo il caso, come spesso accade per le pratiche di separazione e divorzio, è finito sulle scrivanie dell’Agenzia delle entrate di Bari che, però, dinanzi alla richiesta della donna di poter visionare la reale situazione patrimoniale del marito ha opposto un secco rifiuto. La documentazione, hanno spiegato dall’ente, è riservata, contiene informazioni sensibili a cui neanche la moglie può avere accesso.

I giudici della terza sezione del Tar, però, sono di parere contrario. E per questo con una sentenza depositata nei giorni scorsi hanno bacchettato l’operato dell’Agenzia delle entrate che nell’udienza ha cercato di difendersi, appellandosi al diritto di privacy dei contribuenti. «La tutela degli interessi economici e della serenità dell’assetto familiare, soprattutto nei riguardi dei figli minori delle parti in causa – scrive invece il Tribunale amministrativo di Bari – prevale o quantomeno deve essere contemperata con il diritto alla riservatezza». I giudici del Tar per spiegare la propria decisione citano una sentenza del Consiglio di Stato, chiamato a pronunciarsi su una richiesta analoga presentata da un uomo che chiedeva di avere più dettagli sulla situazione economica della moglie.

La decisione della terza sezione del Tribunale amministrativo di Bari è destinata a costituire

un importante precedente. L’Agenzia delle entrate, condannata a pagare le spese processuali per 1.500 euro, ora avrà 30 giorni di tempo per consentire alla donna di poter visionare la documentazione richiesta e quindi di sapere se davvero il marito, durante la vita di coppia, abbia messo da parte risparmi comuni. Mentre l’Agenzia delle entrare ha cercato di difendere la propria decisione, l’ex marito della ricorrente ha preferito non costituirsi nel procedimento.

FONTE LA REPUBBLICA.IT

2 risposte a Bari, sentenza del Tar: diritto dei figli prevale sulla privacy, l’ex marito deve mostrare i conti

  • Salvatore Maccarrone scrive:

    Non si parla degli interessi dei figli minori? La madre cosa c’entra? forse il padre si rifiutava di mantenere i figli? Raccontatela tutta solo così si può esprimere una opinione. Grazie per l’informazione ma già sappiamo quanta delinquenza si aggira in camuffandosi in quella materia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Gianni Loiacono
    "RIFORMA PILLON. La riforma sembrerebbe un fatto positivo perché da... "
    Leggi tutto...
  •  marco
    "esatto conosco diversi casi in cui gli assistenti del comune... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2018

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Nov
23
ven
09:00 X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
X Congresso Nazionale. Quale fut... @ Hotel Cicerone
Nov 23@09:00–Nov 24@10:00
X Congresso Nazionale. Quale futuro per il diritto di famiglia? Le riforme che vogliamo: quale affidamento condiviso? @ Hotel Cicerone | Roma | Lazio | Italia
Scarica il programma X Congresso Nazionale AMI_2018 EVENTO IN VIA DI ACCREDITAMENTO DALL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani per la Tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia) comunica che: sono ammesse[...]
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio