Le sorprese del rapporto annuale Eurispes-Telefono azzurro sui minori fra i 7 e gli 11 anni. Solo quattro su cento non guardano la televisione, ma più della metà ha già il cellulare.Oltre il 65% desidera laurearsi, trovare un lavoro “stabile” e sposarsi


I bambini e i ragazzi italiani sono sempre in percentuale maggiore vittime di bullismo e hanno sempre meno la forza di ribellarsi. Dal decimo Rapporto Annuale Eurispes-Telefono Azzurro emerge infatti che sono aumentati gli ‘indifferenti’ di fronte agli atti di prepotenza, e persino coloro che dicono di “divertirsi” (passati dal 9,5% al 13%). Le aspirazioni dei giovanissimi rimangono molto vicine a quelle dei loro genitori: il 75,3% dei bambini desidera ”andare bene a scuola”, il 75,2% aspira alla laurea, il 66% ha dichiarato di voler trovare un lavoro stabile, il 70,2% desidera svolgere un lavoro che gli piaccia e il 65,3% vorrebbe sposarsi.
Il Rapporto spiega che in Italia solo 4 bambini su cento non guardano la televisione, contro il 25,3% rilevato per il Pc, il 26,7% per il lettore dvd, il 41,1% per la playstation/Psp, il 42,9% per Internet, il 50% per il lettore Mp3 ed il 55,1% per il cellulare.
Già a sette anni i figli assorbono le ansie dei genitori, tant’è vero che il 45,2% dei bambini crede che sia “molto difficile” trovare un lavoro che piaccia loro e che li soddisfi, mentre il 27,9% pensa sia “abbastanza difficile”, il 12,4% che sia “poco difficile” e solo l’8,7% che non lo sia “per niente”. Costretti a indicare un modello da un elenco di personaggi, scelgono Valentino Rossi (16%) e Belen Rodriguez (8%), ma oltre un quarto (27%) degli intervistati (che diventa un terzo tra le femmine) dichiara di non voler assomigliare a nessuno.


Tutti davanti alla Tv. L’8,1% dei bambini guarda la televisione per più di 4 ore al giorno; il 44,7% la guarda da 1 a 2 ore, mentre ne fruisce solo per un’ora il 37,4% dei piccoli. Eppure l’indagine rileva un 4% di bambini e un 3.1% che non guarda mai la televisione. Tra i programmi preferiti, in testa la fiction ‘I Cesaroni’ con il 17,7%; a seguire i cartoon dissacranti dei ‘Simpson’ (15,3%), Paperissima (9,6%), Amici (9,3) e Dragonball (8,3). Ma i più piccoli scelgono anche trasmissioni indirizzate a un pubblico più adulto come Zelig (3,3%), il Grande Fratello (2,9%), Quark (2,8%), X-Factor (2,7%), Striscia la notizia (2,1%), C’è posta per te (1,5) e Affari tuoi (1,4).
I bambini considerano fastidioso vedere in tv soprattutto le scene di sesso o di nudo presenti in film e telefilm (62,5%). Al secondo posto vengono citate le immagini di guerra o morte nei telegiornali (60,7%), seguite dalle scene di violenza in film e telefilm (57%) e dalla volgarità e le parolacce (56,4%). Molti sono infastiditi anche dai programmi tv in cui le persone parlano di fatti intimi e privati (52,9%).


O al telefono con il cellulare. Il 53,7% dei bambini dai 7 agli 11 anni possiede un telefonino cellulare, il 5,4% un videofonino, l’1,8% uno smart-phone, o telefonino Umts (1,6%). E il 4,6% dei piccoli ha con sé addirittura più di un cellulare. Tuttavia per il 41,5% dei bambini i genitori non hanno ancora ravvisato la necessità di comprarne uno. La maggioranza dei bambini dichiara di non portare il telefonino a scuola (68,2%) o di tenerlo sempre spento durante le ore di lezione (13%). Lo accende solo fuori dall’orario scolastico il 3,9% del campione, mentre “trasgredisce” le regole del buon comportamento chi lo tiene accesso senza suoneria (1,6%), o lo utilizza anche quando la maestra spiega (0,7%). Il cellulare è usato per stare in costante contatto con mamma e papà. L’88,2% dei piccoli lo usa soprattutto per chiamare ed essere chiamato dai genitori. Il 72,6% lo utilizza, invece, anche per fotografare, mentre il 69,6% lo adopera per tenersi in contatto con gli amici.


Aspirazioni ‘normali’. Le aspirazioni di bambini e adolescenti sono molto vicine a quelle dei loro genitori: infatti, interrogati su ciò che desiderano di più anche per il loro futuro, il 75,3% dei bambini (l’indagine e’ stata condotta su circa 1.090 scolari fra i 7 e gli 11 anni) ha espresso l’auspicio di ”andare bene a scuola”, il 75,2% ha risposto di desiderare di raggiungere la laurea, il 66% ha dichiarato di voler trovare un lavoro stabile, il 70,2% desidera svolgere un lavoro che gli piaccia e il 65,3% vorrebbe sposarsi. Solo il 32,6% desidera fare la stessa professione dei propri genitori.


Tra gli adolescenti (12-19 anni), il desiderio più grande è quello di trovare un lavoro soddisfacente (96,6%) e stabile (94%). Il 54,9% esprime il desiderio di laurearsi. Sposarsi rappresenta un traguardo importante per il 68,7% dei ragazzi italiani e il 71,9% desidera avere figli. Tuttavia c’è molta sfiducia rispetto alla raggiungibilità di certi obiettivi: per il 33,6% infatti sarà arduo laurearsi come per il 49,4% trovare un lavoro stabile e per il 42,9% un’occupazione che piace.


Bullismo sempre più minaccioso. Oltre un quarto dei bambini italiani e circa il 20% degli adolescenti rivela di essere stato vittima di azioni di bullismo nel corso dell’ultimo anno. Offese immotivate (27,2%), provocazioni o prese in giro (28,1%) sono state raccontate da oltre un quarto dei piccoli intervistati ma ben il 10,3% è stato oggetto di percosse e il 10,1% minacciato, mentre il 9,4% denuncia furti di cibo o oggetti. E se sul 21,9% dei bambini sono state diffuse informazioni false o cattive, ben 17 su cento si sentono isolati ed esclusi dal gruppo. Nel 25,4% dei casi il bullo è un coetaneo,spesso un maschio (17,7%), ma le femmine toccano il 7,7% dei casi. Nel 9,2%, invece, l’episodio di bullismo è messo in atto da un gruppo, con una lieve prevalenza dei gruppi misti (3,5%) su quelli composti solo da maschi (2,9%) o femmine (2,8%).


E tra i giovani prevale l’assuefazione. E’ l’indifferenza la reazione principale da parte dei coetanei di fronte agli atti di bullismo. Fra i bambini, in un anno, questo atteggiamento è raddoppiato (dal 5,1 del 2008 all’11,1% del 2009) e fra gli adolescenti è aumentato di sette punti percentuale (dal 12,1% al 19,5%). Fra i bambini, in particolare, è in aumento anche chi dice di “divertirsi” di fronte a questi atti (dal 9,5% al 13%) ma anche chi aiuta le vittime (dal 15,2% al 19%).


Rossi e Rodriguez i modelli più votati. Gli intervistatori hanno proposto ai piccoli intervistati una serie di personaggi, chiedendo loro con chi avrebbero voluto identificarsi. Valentino Rossi è stato il più scelto (16%, 28,8% tra i maschi), Belen Rodriguez la seconda (l’8,2%). In tanti hanno scelto però una scrittice, Joanna K. Rowling, l’autrice di Harry Potter (6%). Il 4,3% vorrebbe assomigliare a Paris Hilton, il 4,1% a Fiorello, il 3,3% a Barack Obama; all’1,9% degli intervistati piacerebbe diventare come Luciana Littizzetto, all’1,2% come Fabrizio Corona, e solo all’1,1% come Rita Levi Montalcini. Però oltre un quarto degli intervistati ha rifiutato i modelli proposti ( il 27,1% ha dichiarato di non voler assomigliare a nessuno. Mentre un altro quarto ha optato per la scelta libera, indicando in prevalenza Michelle Hunzicker e Mike Bongiorno, il 25,4% l’attrice Brenda Asnicar, protagonista di un telefilm intitolato “Il mondo di Patty”, il 12,7% a Vanessa Hudgens del film ”High School Musical” e l’8,5% Miley Cyrus di ”Hanna Montana”.


Quasi l’80% dei bambini si dichiara credente. Il 79,6% dei bambini italiani si dichiara ‘credente’ mentre solo il 4,7% afferma di non esserlo ed arriva al 15,7% la percentuale di quanti non hanno saputo (11,7%) o voluto (4%) fornire una risposta. Tuttavia compiuti i 12 anni si dice credente solo il 65,3% degli intervistati, con un calo quindi del 14,3%.


LA REPUBBLICA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio