Sempre più unioni regolarizzate, le donne hanno da dieci a vent’anni in meno Gli uomini divorziati si risposano in percentuale tripla rispetto alle ex compagne.


I matrimoni tra badanti dell’Est e anziani pensionati, ma anche improvvise donazioni ed eredità che cambiano indirizzo a sorpresa, sono un fenomeno in grossa ascesa che trova nelle aule di tribunale la conferma di convivenze felici per i diretti interessati ma piene di spine per i parenti. Guardando le fasce d’età tra gli sposi ad esempio, si scopre che per la sola città di Modena il divario tra i coniugi italiani è di 2-3 anni, mentre nelle unioni miste è di 8-10 anni. A favore di chi? Sempre dei neomariti, decisamente più anziani delle loro spose. È quanto si ricava dalla lettura delle statistiche che riportano però solo la media dell’età dei coniugi, e quindi non tengono conto delle punte estreme del fenomeno. Se nel 2008 e nel 2009 la differenza tra maschi e femmine portava queste ultime a essere in media più giovani di nove anni, vuol dire che differenze di 15 – 20 anni sono più che comuni, in cui le badanti fanno la parte del leone.


A ruoli invertiti, quando lei è italiana e lui è straniero, il divario d’età è praticamente azzerato, variando da meno di un anno a un anno e mezzo.


Negli ultimi tempi il fenomeno si va allargando a macchia d’olio.


Nel 2002 l’età media di lei era di 29,3 anni e di 36,4 per lui, arrivando a 30 e 38 due anni dopo e nel 2009 si arriva addirittura a 34 e 43. Bastano queste ultime due cifre, depurate dalla media statistica, per far capire quanto siano frequenti i matrimoni con i capelli bianchi, almeno quando a sposarsi è un uomo.


Per chi si sposa per una seconda volta tutto questo è un dettaglio, vuoi per i precetti della Chiesa cattolica che impediscono il rito ai divorziati, vuoi perchè cambiano le scelte morali di chi decide di metter su famiglia. A partire dal 2002, da quando cioè il matrimonio in Comune ha superato quello davanti a un sacerdote, il numero dei primi è sempre aumentato. L’importante è avere il certificato d’anagrafe in regola con le leggi italiane che vuol dire anche la pensione di reversibilità e una quota dell’eredità in caso di morte, senza tener conto di ricongiungimenti famigliari sempre possibili con fratelli, sorelle, genitori anziani e, perchè no?, con figli, generi e nuore con nipoti. E tutto senza passare dalle forche caudine dell’immigrazione clandestina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio