Cassazione, sezione civile, sen. n. 14081 del 17 giugno 2009


In tema di separazione fra i coniugi, al fine della quantificazione dell’assegno di mantenimento, la valutazione delle condizioni economiche delle parti non richiede la determinazione dell’esatto importo dei redditi posseduti attraverso rigorose analisi contabili e finanziarie essendo sufficiente un’attendibile ricostruzione delle complessive situazioni patrimoniali e reddituali dei coniugi.
È  quanto si legge nei motivi proposti dalla Cassazione con sentenza n. 14081/2009, ove viene ribadito che: “In caso di contestazione il tribunale dispone indagini sui redditi e patrimoni dei coniugi e sul loro effettivo tenore di vita valendosi, se del caso, anche della polizia tributaria. Peraltro l’esercizio di tale potere rientra nella discrezionalità del giudice di merito, che non è tenuto ad avvalersene ove ritenga provata compiutamente “aliunde” la situazione economica delle parti, ma ove non se ne avvalga non può rigettare le domande per la mancata dimostrazione della situazione economica delle parti.”.
Nel caso di specie il giudice di primo grado aveva ritenuto sufficiente la documentazione presentata dalla parte chiamata in causa, rappresentata dalla sola dichiarazione dei redditi e dai movimenti bancari.


IL SOLE 24ORE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio