La Suprema Corte con l’ordinanza n. 25604 del 12 ottobre 2018 ha ribadito il principio che l’assegnazione della casa coniugale non rappresenta una componente delle obbligazioni patrimoniali conseguenti alla separazione o al divorzio ovvero un modo per realizzare il mantenimento del coniuge più debole, ma è esclusivamente condizionata alla salvaguardia dei figli, siano essi minorenni o maggiorenni ma non indipendenti economicamente.

L’abitazione familiare deve essere garantita preferibilmente al genitore che vive stabilmente con i figli e soltanto in questo caso, altrimenti vi sarebbe una palese violazione dell’art. 336 sexies c.c.

Avv. Claudio Sansò

Presidente AMI Salerno – Coordinatore nazionale

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  marco
    "Al tribunale penale alla magistratura superiore che valutera il caso... "
    Leggi tutto...
  •  yulia
    "mio figlio prende la sua bimba ogni fine settimana ,purtoppo... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio