Ecco l’art. 570 bis del codice penale.

Nei guai chi non versa l’assegno di mantenimento (o lo versa parzialmente) a seguito di separazione, divorzio e nullità del matrimonio.

È questa la grande novità legislativa che sta già creando polemiche tra gli addetti ai lavori e tra la gente. Ormai sui social ci sono già tantissimi commenti e critiche nei confronti del legislatore per tale nuova fattispecie criminosa. Ma era prevedibile.

Fino ad oggi esisteva soltanto il reato di cui all’art. 570 del codice penale che così recita:

Violazione degli obblighi di assistenza familiare.

Chiunque abbandonando il domicilio domestico, o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla responsabilità genitoriale, o alla qualità di coniuge , è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da euro 103,00 a euro 1032,00.

Le dette pene si applicano congiuntamente a chi : 1) malversa o dilapida i beni del figlio minore o del coniuge; 2) fa mancare i mezzi di sussistenza ai discendenti di età minore, ovvero inabili al lavoro, agli ascendenti o al coniuge, il quale non sia legalmente separato per sua colpa.

Il delitto è punibile a querela della persona offesa salvo nei casi previsti dal numero 1 e, quando il reato è commesso nei confronti dei minori, dal numero 2 del precedente comma.

Le disposizioni di questo articolo non si applicano se il fatto è preveduto come più grave reato da un’altra disposizione di legge.”

Adesso, con l’introduzione della nuova norma (decreto 21/2018) si chiariscono meglio alcuni aspetti che fino ad oggi erano assolutamente generici. Si ritiene che attraverso tale novità, il legislatore abbia inteso rafforzare principi e norme già sanciti dal codice civile (ex artt. 143, 146 147 c.c. e art. 12 sexies L. 898/1970 e art. 3 L. 54/2006) che fanno riferimento all’obbligo dei genitori di provvedere al mantenimento dei figli e all’obbligo del coniuge separato/divorziato di provvedere al mantenimento del coniuge economicamente più debole, laddove disposto un assegno.

La norma di cui all’art. 570 c.p. non faceva espresso riferimento alle situazioni in cui i coniugi si erano separati o avevano divorziato o avevano ottenuto la dichiarazione di nullità del matrimonio.

Era una norma imprecisa che faceva intendere che l’obbligo al mantenimento dei figli e del coniuge riguardava la fase precedente alla separazione, al divorzio o alla dichiarazione di nullità del matrimonio. I giudici hanno dovuto interpretare più che applicare tale norma nei casi di disgregazione del sodalizio familiare. Ciò determinava dubbi e incertezze sull’ applicare l’art. 570 c.p. anche dopo la fine del matrimonio.

Inoltre, la condizione necessaria affinché il reato si consumasse era la accertata condizione di difficoltà economica del coniuge e dei figli.

Pertanto, se l’altro coniuge ed i figli vivevano in condizioni economiche sufficienti al proprio sostentamento non si configurava il reato.

Con l’art. 570 bis del codice penale non è più così.

Chi non paga l’assegno per il coniuge ed i figli sarà condannato, a prescindere dalle condizioni economiche dell’avente diritto.

Tale norma scatta anche in caso di omesso pagamento per i figli maggiorenni.

Non è chiaro se tale norma si applichi anche nei confronti di chi omette di pagare le spese straordinarie occorrenti per i figli (medico specialistiche, scolastiche, ludiche, ricreative e sportive). Ma dal testo letterale appare di si.

Ed è espressamente chiarito che l’obbligo a mantenere la famiglia riguarda anche la fase successiva alla separazione, al divorzio e alla nullità del matrimonio. Da oggi, 6 aprile 2018, non ci saranno più dubbi e incertezze.

Anche per i figli nati fuori dal matrimonio vigono i medesimi principi penalistici in caso di fine della convivenza. Per i conviventi more uxorio che hanno stipulato contratti di convivenza (che prevedono assegni di mantenimento in caso di cessazione della convivenza stessa), anche se la norma è generica e scritta male, facendo riferimento solo al “coniuge”, dovrebbe essere applicato l’art. 570 bis del codice penale ai sensi della L. 76/2016. Idem per gli uniti civilmente per il quali si applica la legge sul divorzio in caso di cessazione del matrimonio e le medesime norme penali.

Tuttavia resta sempre in piedi l’accertamento del dolo del reato che è principio cardine del diritto penale.

In caso di disoccupazione e malattia di chi è obbligato a pagare l’assegno, il reato non sussiste ma bisogna provarlo.

Sarebbe grave se così non fosse.

Le pene previste dall’art. 570 bis c.p. sono le stesse dell’art. 570 c.p., ossia è prevista una condanna alla reclusione fino ad un anno con la multa da euro 103,00 ad euro 1.032,00.

Attenzione ai recidivi. Chi dovesse commettere in momenti diversi lo stesso reato rischierebbe di andare in galera, non potendo beneficiare in eterno della sospensione condizionale della pena.

Roma il 6 aprile 2018

Avv. Gian Ettore Gassani

Presidente Nazionale AMI

 

 

 

Una risposta a Art. 570 bis del codice penale: ”Guai a chi non paga l’assegno di mantenimento”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  alessandro
    "sono un padre in fase di separazione dal 09/2016, in... "
    Leggi tutto...
  •  Pio Coppi
    "Salve, sono un uomo separato di 74 anni. Mia moglie... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Gen
11
gio
09:00 SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE IN DIR... @ FACOLTÀ VALDESE - ROMA
SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE IN DIR... @ FACOLTÀ VALDESE - ROMA
Gen 11@09:00–Mag 31@17:52
SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DI FAMIGLIA “Diritti delle relazioni familiari: aspetti civili, penali e canonici” @ FACOLTÀ VALDESE - ROMA | Roma | Lazio | Italia
Corso di Alta formazione organizzato con l’AMI LAZIO   CREDITI FORMATIVI RICONOSCIUTI DAL CONSIGLIO DELL’ORDINE DI ROMA E DAL CNF n°28 crediti – Corso Base n°20 crediti Corso in DIRITTO CANONICO N° 48 CREDITI BENEFIT[...]
Mar
15
gio
15:01 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRI... @ ROMA
Mar 15 2018@15:01–Gen 31 2020@18:30
CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI NELLA PROSPETTIVA NAZIONALE ED EUROPEA @ ROMA | Roma | Lazio | Italia
Il corso Il corso in Diritto delle Relazioni Familiari nella prospettiva Nazionale ed Europea organizzato dall’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti per la tutela dei minori e della persona (AMI) prenderà avvio a Roma il prossimo 15[...]
Mag
4
ven
14:30 QUESTIONI DI DIRITTO DI FAMIGLIA @ Aula Magna del Tribunale di Genova
QUESTIONI DI DIRITTO DI FAMIGLIA @ Aula Magna del Tribunale di Genova
Mag 4@14:30–Mag 25@18:30
QUESTIONI DI DIRITTO DI FAMIGLIA @ Aula Magna del Tribunale di Genova | Genova | Liguria | Italia
Seminario gratuito accreditato dal COA di Genova con 4 crediti formativi per incontro (12 in totale), di cui uno di deontologia per il primo giorno formativo.
Mag
11
ven
14:30 QUESTIONI DI DIRITTO DI FAMIGLIA @ Aula Magna del Tribunale di Genova
QUESTIONI DI DIRITTO DI FAMIGLIA @ Aula Magna del Tribunale di Genova
Mag 11@14:30–Giu 1@18:30
QUESTIONI DI DIRITTO DI FAMIGLIA @ Aula Magna del Tribunale di Genova | Genova | Liguria | Italia
Seminario gratuito accreditato dal COA di Genova con 4 crediti formativi per incontro (12 in totale), di cui uno di deontologia per il primo giorno formativo.
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio