Il Tribunale di Milano ha ritenuto valido motivo di annullamento del vincolo civile l’omosessualità del marito quale l“errore “ sulle qualità personali

 

La possibilità di porre nel nulla gli effetti di un matrimonio per “errore” sulla personalità e sulle “qualità personali del coniuge” non è una prerogativa del diritto canonico.

Per il diritto canonico il matrimonio o c’è o non è mai esistito per cui il concetto è quello della nullità mentreper il diritto civile il matrimonio può essere “annullato”.

La differenza non è di poco conto laddove si pensi alla sorte dei rapporti giuridici di filiazione che, nel diritto civile sono comunque tutelati in virtù del cosiddetto “matrimonio putativo”.

In questo variegato panorama le “questioni di letto” assumono una importanza preponderante al fine di stabilire, nei rispettivi ambiti, se ricorrano o meno gli estremi per invocare il rewind di un matrimonio.

Una recente pronuncia del Tribunale di Milano ha ritenuto valido motivo di annullamento del vincolo civile non l’omosessualità del marito dichiarata solo dopo anni di matrimonio, così come era stata prospettata dalla difesa della moglie ai sensi dell’art.122 cc 3° co. n.1 ma come “errore “ sulle qualità personali dell’altro coniuge così come è previsto dal 2° comma del già citato articolo 122 cc.

L’aver posto l’accento sul concetto di errore sulle qualità personali del coniuge a proposito di omosessualità,il Tribunale di Milano non nuovo ad aperture ed interpretazioni originali, ha di fatto introdotto il concetto di “identità sessuale” ai fini dell’individuazione dell’ “ errore” sul consenso.

L’omosessualità quindi non è una malattia fisica o psichica o, peggio, una anomalia o deviazione sessuale , ma rappresenta un errore sulla identità sessuale del coniuge al punto da legittimare la richiesta di annullamento del matrimonio civile.

 Tratto da Leggi Oggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio