E’ quanto sancito con una sentenza recentissima dai giudici della Cassazione (n. 16175 depositata il 30 luglio 2015) ovvero che un genitore è tenuto al rimborso delle spese straordinarie anticipate dall’altro genitore e sostenute in favore dei figli.
Con tale sentenza gli ermellini sono entrati in questa annosa questione, stabilendo che le spese straordinarie, intese come importi pagati per motivi urgenti ed indifferibili, non devono essere preventivamente concordate tra i due ex coniugi, allorquando si tratti di una decisione “di maggior interesse” per il figlio, che fa scaturire a carico del genitore non collocatario, un obbligo di rimborso, qualora non abbia tempestivamente addotto validi motivi di dissenso.
Non è dunque l’accordo preventivo dei genitori a risultare vincolante, ma l’effettiva rispondenza delle spese rispetto all’interesse del minore, nonché che le stesse siano sostenibili in base alle condizioni economiche dei genitori.

Avv. Claudio Sansò

Coordinatore Nazionale AMI

Presidente AMI Salerno

Una risposta a Anche se manca l’accordo le spese straordinarie vanno rimborsate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio