E’ quanto stabilito dalla Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 23236/2013 depositata in data 14 ottobre.

Il caso concreto si riferisce ad una separazione particolarmente conflittuale in cui i due coniugi, a seguito della frattura matrimoniale, hanno avuto un atteggiamento volto a screditare reciprocamente la figura dell’altro genitore agli occhi dei figli.

Tale atteggiamento, essendo reciproco, non può essere posto alla base di una pronuncia di addebito nei confronti dell’uno o dell’altro.

Proprio sulla richiesta di addebito, però, si pronuncia la Cassazione, confermando le statuizioni economiche.

La Suprema Corte, infatti, dopo aver sottolineato che “l’atteggiamento squalificante dell’altro genitore agli occhi dei figli viene ascritto ad entrambi i coniugi”, ritiene comunque sussistenti i presupposti per addebitare la separazione de quo al marito.

Alla base della decisione è posto sia un comportamento violento e aggressivo nei confronti della coniuge e dei figli stessi, sia la comprovata relazione extraconiugale coltivata dall’uomo per dieci anni prima della separazione.

Ebbene, secondo la riferita sentenza, l’intolleranza della prosecuzione della convivenza è stata determinata proprio dalla relazione extraconiugale del marito e dal di lui comportamento violento e aggressivo.

Come è noto, infatti, il presupposto per la dichiarazione di addebito consiste nel comportamento, posto in essere da un coniuge in costanza di matrimonio, contrario ai doveri che derivano dal matrimonio ( dovere di fedeltà, assistenza morale e materiale, collaborazione e contribuzione nell’ interesse della famiglia).

Nel caso di specie i comportamenti dell’uomo,  posti in essere durante la convivenza matrimoniale, sono stati valutati contrari ai doveri derivanti dal matrimonio e causa del venir meno dell’ affectio coniugalis.

 

Avv. Marianna Grimaldi

Segretario AMI Salerno

Una risposta a ANCHE SE ENTRAMBI I GENITORI SMINUISCONO LA FIGURA DELL’ALTRO DINANZI AI FIGLI, LA SEPARAZIONE VA ADDEBITATA AL CONIUGE VIOLENTO E FEDIGRAFO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  rossi anna
    "con quali mezzi il coniuge tradito può difendersi da una... "
    Leggi tutto...
  •  Kasparek
    "La punizione più consona per questo abuso e' l'ergastolo Chi... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2018

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio