Milano – Sono in continuo aumento le coppie italiane che scelgono di divorziare all’estero, in paesi dove le leggi permettono una rottura del legame matrimoniale in tempi brevi e con costi minori. Un fenomeno che ha riguardato in sei anni ottomila coppie italiane, come emerge dai dati presentati dall’Associazione avvocati matrimonialisti italiani (Ami) durante il convegno “Codice europeo della famiglia: realtà o utopia?”.


Ci sono, per esempio, coniugi che prendono temporaneamente la residenza all’estero, in paesi come la Romania, per evitare di aspettare un tempo medio di quattro anni perché termini l’iter di un divorzio consensuale in Italia. La proposta dell’Ami è quella di «definire una giurisdizione europea comune in materia di diritto alla famiglia», anche di fronte a una crescita costante delle separazioni e dei divorzi. In 40 anni si è assistito alla riduzione del 50% del numero dei matrimoni, mentre negli ultimi 20 anni sono triplicati i procedimenti di divorzio e separazione. Oggi quattro matrimoni su dieci si trasformano in separazioni e divorzi e, come emerge dagli ultimi dati Istat, in Italia il 6.1% della popolazione sopra i 15 anni ha sperimentato l’esperienza della rottura di un matrimonio. «In Parlamento si sta discutendo sul disegno di legge sul `divorzio breve´ – sottolinea l’Ami – si tratta di un compromesso, che sarà bocciato dalle ali cattoliche e conservatrici del paese».


«Di fronte all’attuale disgregazione della famiglia in tutta Europa – ha spiegato Elena Menon, presidente distrettuale di Milano dell’Ami – i giuristi matrimonialisti sentono l’esigenza di definire una giurisdizione europea comune in materia di diritto di famiglia». Secondo Gian Ettore Gassani, presidente nazionale Ami, «il raggiungimento di questo obiettivo renderà l’Europa veramente unita e non solo un insieme di paesi amici, legati da strategie economiche e militari».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  licia bis
    "Cara Mamma, le auguro di non dover provare mai il... "
    Leggi tutto...
  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio