Il Centro Studi dell’Associazione Matrimonialisti Italiani per la tutela delle Persone, dei Minorenni e della Famiglia diffonde i dati dell’indagine condotta con i maggiori istituti di ricerca itliani e con il contributo delle associazioni delle categorie coinvolte.  


 


“Lo spaccato che emerge è inquietante”, dice il presidente avvocato Gian Ettore Gassani: “I delitti commessi dai minori in Italia dal 1992 non solo sono aumentati in termini quantitativi ma hanno subito una trasformazione qualitativa: il terreno fertile della criminalità minorile è senz’altro il bullismo imperante contro il quale ancora oggi non sono state adottate misure adeguate, complice anche la latitanza di molte famiglie, assolutamente disimpegnate rispetto al processo educativo dei figli od addirittura complici delle loro gesta. L’adultismo dei nostri ragazzi, fenomeno trasversale che coinvolge i minorenni di tutte le zone d’Italia e di tutte le fasce sociali, ha prodotto il fenomeno dei reati a sfondo sessuali, anche di gruppo, da parte di molti infraquattordicenni. La sessualità viene vista come un gioco per sentirsi grandi, la prevaricazione nei confronti del soggetto debole è la parola d’ordine. Molti minorenni non hanno alcun rispetto delle regole e delle istituzioni. Esistono vere e proprie mini associazioni criminali organizzate dai minorenni finalizzate a reati contro il patrimonio. La giustizia minorile di fronte a questo aumento dei reati è al collasso: l’elevato numero di processi, lo scarso numero di magistrati del settore, l’insufficienza di molti servizi sociali concorrono a creare l’attuale situazione emergenziale. E’ indubbio che l’elevato numero delle separazioni e dei divorzi abbia prodotto una diffusione del disagio minorile”.


 


Di seguito l’indagine del Centro Studi A.M.I.:      


 


1)      Il numero di vittime di età inferiore a 14 anni è passato dal +1.4% del triennio ‘92-‘94, al +4% del triennio 2004-2006.


 


2)      Nel triennio 2004-2006 si è registrato un maggior numero di ragazze uccise dall’età inferiore a 14 anni nel Centro Nord (0,3%) mentre nel Sud e Isole è stato di gran lunga maggiore il numero delle vittime di sesso maschile con età inferiore a 14 anni (0,8%).


 


3)      Numero degli autori (indipendentemente dall’età) nel triennio 2000-2006: prevale un solo autore nel Centro Nord (64,8%); più di tre autori contemporaneamente (22,0%) nel Sud e Isole.


 


4)      L’autore nel 3,3% dei casi ha tra i 14 ed i 17 anni; nello 0,1% dei casi ha età minore a 14 anni.


 


 


 


 


 


 


 


5)       Le vittime sono maggiormente a rischio fino all’età di 14 anni (12,5% al Centro Nord) mentre al sud e nelle isole sono maggiormente a rischio tra i 14 ed i 17 anni (14,3%) .


 


6)      Trasformazione della famiglia dal 1993 al 2005: la percentuale dei genitori di ragazzi fino a 17 anni in stato di occupazione lavorativa è passata dal 36,3% al 43,4% (fonte Eures 2008).


 


a.      Dal 1995 al 2005 le separazioni sono aumentate del 57,3%, i divorzi  maggiori del 74%.


Nell’80,7% la maggior parte dei bambini vive con un solo genitore (Eurispes 2007).


 


b.      Il 61,4% delle donne che ha subito violenze ha dichiarato che i figli hanno assistito ad uno o più di questi episodi (Istat 2007).


 


7)      Indagine A.M.I., realizzata in collaborazione con associazioni pediatriche su un campione di oltre 2.500 minori:


 


“Perché secondo te a volte si è portati ad assumere comportamenti rischiosi (fumare canne, ubriacarsi, guidare la macchina o la moto senza patente, rubare oggetti in un negozio, avere rapporti sessuali non protetti, guidare il motorino senza casco, fare a botte, fare i graffiti, fare un piercing o un tatuaggio)?”


 


Risposte:


a.      per dimostrare a se stessi di essere coraggiosi;


b.      per sentirsi grandi;


c.       per sfida con gli amici;


d.      per provare a se stessi il proprio coraggio;


e.       per essere leader del gruppo;


f.        perché è divertente;


g.      per vincere la noia;


h.      perché vivo con mia madre e faccio quello che voglio;


i.        perché mio padre fa così con mamma;


  


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Dic
16
lun
09:30 Diritto del minore ad una famigl... @ Napoli, Sala C3 Centro direzionale
Diritto del minore ad una famigl... @ Napoli, Sala C3 Centro direzionale
Dic 16@09:30–14:30
Diritto del minore ad una famiglia: disagio familiare, affido familiare, case famiglia. I servizi sociali in Campania @ Napoli, Sala C3 Centro direzionale
Il convegno è accreditato dal COA di Napoli (4 crediti formativi) e in via di accreditamento dall’Ordine degli assistenti sociali della Campania. Le iscrizioni potranno essere inviate a mezzo e-mail a salerno@ami-avvocati.it ovvero a napoli@ami-avvocati.it[...]
15:00 PROFILI DEONTOLOGICI DELL’AVVOCA... @ Auditorium “Adone Zoli” dell’Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia (Blocco G – Piano 0)
PROFILI DEONTOLOGICI DELL’AVVOCA... @ Auditorium “Adone Zoli” dell’Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia (Blocco G – Piano 0)
Dic 16@15:00–18:00
PROFILI DEONTOLOGICI DELL’AVVOCATO FAMILIARISTA @ Auditorium “Adone Zoli” dell’Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia (Blocco G – Piano 0)
Modalità di iscrizione: La partecipazione è gratuita. Verranno accettate esclusivamente le richieste ricevute telematicamente attraverso l’area riservata Sfera alla quale si potrà accedere dal link presente sulla pagina dell’evento pubblicato sul sito Termine cancellazioni: Si[...]
Dic
18
mer
15:45 Il lavoratore e l’ambiente di la... @ Termoli, Università del Molise, Aula Adriatico
Il lavoratore e l’ambiente di la... @ Termoli, Università del Molise, Aula Adriatico
Dic 18@15:45–19:00
Il lavoratore e l'ambiente di lavoro: strumenti di tutela @ Termoli, Università del Molise, Aula Adriatico
Evento accreditato dall’Ordine di Larino con 4 crediti formativi. Condividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio