Con l’ordinanza n. 651 del 14 gennaio 2019 la Corte di Cassazione è tornata ad occuparsi delle problematiche connesse al riconoscimento del diritto all’assegno divorzile in capo al coniuge più debole ed alla sua quantificazione.

La Suprema Corte ha ribadito che:

  • Il riconoscimento dell’assegno di divorzio in favore dell’ex coniuge, cui deve attribuirsi una funzione assistenziale ed in pari misura compensativa e perequativa, ai sensi della L. n. 898 del 1970, art. 5, comma 6, richiede l’accertamento dell’inadeguatezza dei mezzi dell’ex coniuge istante, e dell’impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive; La valutazione comparativa delle condizioni economico-patrimoniali delle parti, va considerata secondo il contributo fornito dal richiedente alla conduzione della vita familiare ed alla formazione del patrimonio comune, nonchè di quello personale di ciascuno degli ex coniugi, in relazione alla durata del matrimonio ed all’età dell’avente diritto, riconoscendo il ruolo e del contributo fornito dall’ex coniuge economicamente più debole alla formazione del patrimonio della famiglia e di quello personale degli ex coniugi.

La Corte ha ricordato, altresì, che “la valutazione in ordine alle capacità economiche del coniuge obbligato ai fini del riconoscimento e della determinazione dell’assegno di mantenimento a favore dell’altro coniuge non può che essere operata sul reddito netto e non già su quello lordo, poichè in costanza di matrimonio, la famiglia fa affidamento sul reddito netto ed ad esso rapporta ogni possibilità di spesa“.

Avv. Claudio Sansò

Presidente AMI SALERNO – Coordinatore Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
27
gio
14:30 L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Giu 27@14:30–18:30
L'assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma approvata dalla Camera @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Vi segnaliamo il Convegno che si terrà presso il Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1  il 27 giugno dal titolo “L’assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma[...]
16:30 I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
Giu 27@16:30–19:30
I maltrattamenti in famiglia e gli atti persecutori: delitti prodromici al femminicidio @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
  La partecipazione è gratuita e dà diritto a n.3 crediti formativi per gli Avvocati manifesto 27 giugno  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
28
ven
15:00 Crisi familiare e bigenitorialità @ Palmi, Aula ex Assise del Tribunale di Palmi
Crisi familiare e bigenitorialità @ Palmi, Aula ex Assise del Tribunale di Palmi
Giu 28@15:00–18:00
Crisi familiare e bigenitorialità @ Palmi, Aula ex Assise del Tribunale di Palmi
Sono stati concessi n. 3 crediti formativi dal COA di Palmi.Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio