Un’ordinanza del giugno 2006 del Tribunale di Modena ha stabilito che, a fronte di un affidamento esclusivo alla madre, la richiesta di affidamento condiviso avanzata da un padre non affidatario non può essere accolta.
Secondo il Tribunale non può essere modificato l’affidamento monogenitoriale in quanto “un ulteriore mutamento di regime di affidamento, con ripercussioni sulla serenità della bambina che già in età molto giovane ha vissuto il momento apicale della crisi coniugale dei genitori con la separazione giudiziale, appare contrario all’interesse della minore stessa.”
I Giudici modenesi escludono il ricorso all’affidamento condiviso quando non vi sia ” l’effettiva condivisione da parte dei genitori di un accordo programmatico che tenga conto delle capacità, dell’inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli, come richiesto dalla norma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Maria Carmela Zizzi
    "Sono una nonna italiana che non vede i nipotini-figli di... "
    Leggi tutto...
  •  Marianna
    "Buonasera dove trovo il testo integrale del vademecum per la... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio