Dal giorno 20 giugno u.s. l’operato degli Enti Autorizzati ( gli Enti che curano lo svolgimento all’Estero delle procedure necessarie per realizzare l’adozione assistendo gli aspiranti genitori davanti all’Autorità Straniera e sostenendoli nel percorso post-adozione), è più controllato e monitorato. In data 20 giugno u.s., infatti, la CAI (Commissione Adozioni Internazionali) e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto un Protocollo di intesa al fine di meglio tutelare i minori nelle adozioni internazionali e garantire il rispetto dei diritti fondamentali riconosciuti agli stessi dal diritto internazionale.

Il protocollo d’intesa ha una durata iniziale di due anni e «consentirà di mettere a sistema le capacità operative e informative proprie dei reparti territoriali dell’Arma». Grazie alla presenza ramificato su tutto il terriotrio nazionale, i Carabinieri avranno la possibilità di contribuire con la CAI sulla vigilanza e sul monitoraggio degli Enti Autorizzati.

Il riferito Protocollo di intesa prevede anche lo «studio di strategie di prevenzione e repressione dei fenomeni criminali – sottrazione, vendita, tratta – aventi ad oggetto i minori».

Avv. Marianna Grimaldi

Segretario AMI Salerno

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio