Dal giorno 20 giugno u.s. l’operato degli Enti Autorizzati ( gli Enti che curano lo svolgimento all’Estero delle procedure necessarie per realizzare l’adozione assistendo gli aspiranti genitori davanti all’Autorità Straniera e sostenendoli nel percorso post-adozione), è più controllato e monitorato. In data 20 giugno u.s., infatti, la CAI (Commissione Adozioni Internazionali) e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto un Protocollo di intesa al fine di meglio tutelare i minori nelle adozioni internazionali e garantire il rispetto dei diritti fondamentali riconosciuti agli stessi dal diritto internazionale.

Il protocollo d’intesa ha una durata iniziale di due anni e «consentirà di mettere a sistema le capacità operative e informative proprie dei reparti territoriali dell’Arma». Grazie alla presenza ramificato su tutto il terriotrio nazionale, i Carabinieri avranno la possibilità di contribuire con la CAI sulla vigilanza e sul monitoraggio degli Enti Autorizzati.

Il riferito Protocollo di intesa prevede anche lo «studio di strategie di prevenzione e repressione dei fenomeni criminali – sottrazione, vendita, tratta – aventi ad oggetto i minori».

Avv. Marianna Grimaldi

Segretario AMI Salerno

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Roberto bersan
    "Buon giorno: Cerco un avvocato umile che mi possa aiutare... "
    Leggi tutto...
  •  Carmine
    "Buongiorno sono padre di un ragazzo di 13,e sono separato... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio