Il Tribunale per i Minorenni di Roma ha infatti riconosciuto l’adozione di una bimba che vive con una coppia omosex composta da due donne libere professioniste. La bambina è figlia biologica di una sola delle due conviventi. Si tratta del primo caso in Italia. 

“Questa è una vittoria dei bambini e di tutti quei minori che si trovano nella stessa situazione della nostra bimba. Speriamo – hanno dichiarato le due mamme che sono venute a conoscenza della decisione del tribunale mentre erano in vacanza – che questa sentenza possa aiutarli; suggeriamo alle tante altre coppie omogenitoriali di uscire allo scoperto”. 


Le motivazioni della sentenza. La coppia, che vive a Roma dal 2003, ha avuto una bimba all’estero anni fa con procreazione assistita eterologa per realizzare un progetto di genitorialità condivisa. Le mamme hanno così intrapreso un percorso che le ha portate a condividere compiti educativi e d assistenziali e “una solida base affettiva”, ora riconosciuta dalla legge. 

l Tribunale ha accolto il ricorso presentato per ottenere l’adozione della figlia da parte della mamma non biologica. Le due donne, sposate all’estero, si erano rivolte all’Associazione italiana avvocati famiglia e minori, per procedere con il ricorso per l’adozione. Il ricorso è stato accolto sulla base dell’articolo 44 della legge sull’adozione del 4 maggio 1983, n. 184, modificata dalla legge 149 del 2001, il quale contempla l’adozione in casi particolari. Ovvero “nel superiore e preminente interesse del minore a mantenere anche formalmente con l’adulto, in questo caso genitore ‘sociale’, quel rapporto affettivo e di convivenza già positivamente consolidatosi nel tempo”, indipendentemente dall’orientamento sessuale dei genitori. 

L’articolo è stato tratto da http://www.repubblica.it/cronaca/2014/08/29/news/tribunale_riconosce_adozione_a_coppia_omosex-94639363/?ref=fbpr

2 risposte a Adozioni gay, storico ok dal Tribunale di Roma. E’ il primo caso in Italia

  • MACCARRONE SALVATORE scrive:

    Col superiore interesse del minore si mette sotto i piedi la legge e tutti i principi ed i valori naturali. Bene ha fatto, secondo me e vista la situazione, il tribunale, ma non parliamo di superiore interesse del minore ma esclusivamente del superiore interesse delle madri.

Rispondi a MACCARRONE SALVATORE Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 15:00 alle 18:00), moduli formativi[...]
Apr
21
mer
17:00 Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Apr 21@17:00–19:30
Quando un figlio rifiuta un genitore. Alienazione parentale e disfunzioni relazionali @ webinair
Accreditato con tre crediti formativi. Webinair sulla piattaforma google meet. locandina 21 aprile pdfCondividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio