Le coppie non possono scegliere il ‘colore’ del bambino da adottare




ROMA – La procura della Cassazione dice ‘no’ alle coppie che chiedono uno o più bambini in adozione indicando, però, di non essere disponibili a ricevere bimbi di pelle nera o di etnia non europea. La procura della Suprema Corte, sollecitata da un esposto dell’associazione Amici dei bambini, ha espresso questo orientamento innanzi alle Sezioni Unite che dovranno prendere posizione al più presto.

In particolare la procura della Suprema Corte ha preso questa posizione contro la discriminazione razziale nelle adozioni internazionali dei minori , richieste da coppie italiane, a seguito del decreto con il quale il tribunale dei minorenni di Catania nel 2009 aveva dato la ‘patente’ di idoneità all’adozione a marito e moglie che non volevano bambini neri o di etnia non europea. Secondo l’Aibi – il cui parere è stato condiviso dalla procura della Cassazione – consentire alle coppie di scegliere il colore della pelle dei bambini viola numerose convenzioni internazionali e il principio di uguaglianza stabilito dalla nostra Costituzione.


Per l’Aibi “la dichiarazione ‘mercantile’ delle coppie , come quella catanese, avallata dalla decisione del tribunale , contrasta con il principio del miglior interesse del minore e rivela semplicemente una mancanza di requisiti necessari negli aspiranti genitori”.


Le Sezione Unite non potranno annullare la ‘patente’ di genitori idonei data alla coppia di Catania ma potranno ammonire tutti i tribunali di merito a non accogliere più, d’ora in avanti, richieste di adozioni subordinate ad indicazioni razziali.


fonte Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio