Sentenza della Cassazione: la volontà dei genitori non basta a recuperare la capacità genitoriale


La buona volontà dei genitori non basta a fermare un procedimento di adottabilità. Lo ha stabilito la Cassazione, con la sentenza 16795/09, chiedendosi qual è, nel compito educativo della famiglia, il punto di rottura oltre cui il minore deve essere tolto definitivamente ai genitori e dato in adozione. La risposta per la Cassazione non sta in un codice che classifica i comportamenti dei genitori ma «nelle conseguenze sul minore» e per la precisione «di quel minore particolare». Nell’interesse escusivo del minore, per la Cassazione, «una mera espressione di volontà dei genitori, una speranza di recupero delle capacità genitoriali non è sicuramente idonea al superamento dell’abbandono» e quindi non ferma la pratica di adottabilità del minore.


Una sentenza in linea con l’auspicio del Presidente del Senato, Renato Schifani, che a maggio aveva parlato della necessità di una riforma del sistema adozioni che superi “il concetto che debba essere privilegiato il legame di sangue”.


VITA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Manuela
    "E' davvero una bruttissima notizia è stato anche per me... "
    Leggi tutto...
  •  avv, Maria Franzetta
    "Sono esterrefatta ed incredula. Ho avuto modo di conoscere personalmente... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio