Questa è la storia di Gaetano P., un uomo, un cittadino ora libero, un padre e un ex detenuto. Un essere umano al quale vanno assicurate le più ampie garanzie legali anche per riappropriarsi della sua vita dopo aver scontato in modo egregio la pena precedentemente imposta. Ha rispettato lo Stato, non si è sottratto alla conformazione della sentenza dell’autorità giudiziaria, ed ora è lo Stato a dover rispettare la sua persona, e in particolar modo il suo status di padre che più volte si è visto portare via i suoi tre figli, abbandonati dalla madre. La Cassazione gli ha dato una chance. Una possibilità che viene quasi ad inquadrarsi in un idilliaco rapporto di sussidiarietà tra lo Stato e i cittadini. I giudici di legittimità hanno respinto il ricorso del procuratore generale della Corte di Appello di Napoli, avente ad oggetto l’adozione dei tre figli. Il ricorso era sorretto dalla motivazione circa la non capacità del protagonista della vicenda di prendersi cura dei figli, in quanto ex detenuto e senza il supporto della madre dei minori.

La Suprema Corte ha valutato con esito positivo la volontà di Gaetano P. di cambiare vita, nonché gli sforzi profusi ai fini della ricerca di un posto di lavoro. Il lavoro è sopraggiunto (addetto in una società di pulizie), allo stesso modo in cui si è verificata la stipulazione di un contratto di locazione. Valutata la concreta capacità lavorativa, considerata necessaria una dimora accogliente e pulita, la Corte si è orientata per la revoca dell’affidamento provvisorio. Il Tribunale aveva tentato di sottrargli i figli per ben tre volte, ma la caparbietà di un padre testimonia l’opposto risultato raggiunto. Lo status di ex detenuto non implica una presunta considerazione negativa sull’essere genitori. Essere padri è un diritto naturale e in quanto tale va tutelato; in alcuni casi anche ampiamente rispettato. Un’attenta analisi sociologica dimostra che numerosi minori, figli di genitori in stato di libertà, subiscono maggiori conseguenze pregiudizievoli.

Tratto da http://it.blastingnews.com/cronaca/2016/05/adozione-inevitabile-dei-figli-dei-detenuti-la-cassazione-in-alcuni-casi-dice-no-00915357.html

Una risposta a ADOZIONE INEVITABILE DEI FIGLI DEI DETENUTI? LA CASSAZIONE IN ALCUNI CASI DICE NO

  • Salvatore Maccarrone scrive:

    Bene ha fatto la Cassazione che dovrebbe nel contempo punire i fautori di quella richiesta stante che non si comprende su quali basi studi ed osservazioni di fatto si sostiene l’incapacità del padre a prendersi cura dei figli. Quella sarebbe stata una pena ulteriore e più dura inflitta al padre . Tali vicende dimostrano in che Stato persona viviamo. C’è d’aver paura di gente di tale spessore morale. Inoltre non ci si rende conto che si entra in un mondo intimo di sentimenti cui allo Stato non dovrebbe entrare. Tutto questo è gravissimo, incivile e persino delinquenziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Camelia
    "Buongiorno Mi il mio nome e Camelia sono di origine... "
    Leggi tutto...
  •  Lara
    "La tutela non esiste, le violenze vengono rigirate in conflitti... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Giu
20
gio
15:30 Modalità e tecniche di ascolto d... @ Tribunale di Gela, Aula Moscato
Modalità e tecniche di ascolto d... @ Tribunale di Gela, Aula Moscato
Giu 20@15:30–18:30
Modalità e tecniche di ascolto del minore. Opinioni a confronto tra i diversi operatori. @ Tribunale di Gela, Aula Moscato
Evento accreditato dall’COA di Gela (tre crediti formativi). Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Giu
21
ven
10:00 PIANETA FAMIGLIA: tra innovazion... @ Viareggio, Grand Hotel Principe di Piemonte
PIANETA FAMIGLIA: tra innovazion... @ Viareggio, Grand Hotel Principe di Piemonte
Giu 21@10:00–19:00
PIANETA FAMIGLIA: tra innovazioni normative e applicazioni giurisprudenziali a che punto siamo @ Viareggio, Grand Hotel Principe di Piemonte
Evento interdistrettuale dell’AMI Toscana, Liguria ed Emilia Romagna. All’evento sono stati attribuiti 7 crediti formativi di cui 1 in materia obbligatoria (deontologia). Saranno accettate le prime 200 richieste ricevute attraverso invio ai seguenti indirizzi di[...]
Giu
27
gio
14:30 L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
L’assegno divorzile post Sezioni... @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Giu 27@14:30–18:30
L'assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma approvata dalla Camera @ Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1
Vi segnaliamo il Convegno che si terrà presso il Tribunale di Bologna, Aula Primo Zecchi, Via Farini n.1  il 27 giugno dal titolo “L’assegno divorzile post Sezioni Unite in attesa che diventi legge la riforma[...]
16:30 I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
I maltrattamenti in famiglia e g... @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
Giu 27@16:30–19:30
I maltrattamenti in famiglia e gli atti persecutori: delitti prodromici al femminicidio @ Palazzo di Giustizia di Cosenza
  La partecipazione è gratuita e dà diritto a n.3 crediti formativi per gli Avvocati manifesto 27 giugno  Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio