Questa è la storia di Gaetano P., un uomo, un cittadino ora libero, un padre e un ex detenuto. Un essere umano al quale vanno assicurate le più ampie garanzie legali anche per riappropriarsi della sua vita dopo aver scontato in modo egregio la pena precedentemente imposta. Ha rispettato lo Stato, non si è sottratto alla conformazione della sentenza dell’autorità giudiziaria, ed ora è lo Stato a dover rispettare la sua persona, e in particolar modo il suo status di padre che più volte si è visto portare via i suoi tre figli, abbandonati dalla madre. La Cassazione gli ha dato una chance. Una possibilità che viene quasi ad inquadrarsi in un idilliaco rapporto di sussidiarietà tra lo Stato e i cittadini. I giudici di legittimità hanno respinto il ricorso del procuratore generale della Corte di Appello di Napoli, avente ad oggetto l’adozione dei tre figli. Il ricorso era sorretto dalla motivazione circa la non capacità del protagonista della vicenda di prendersi cura dei figli, in quanto ex detenuto e senza il supporto della madre dei minori.

La Suprema Corte ha valutato con esito positivo la volontà di Gaetano P. di cambiare vita, nonché gli sforzi profusi ai fini della ricerca di un posto di lavoro. Il lavoro è sopraggiunto (addetto in una società di pulizie), allo stesso modo in cui si è verificata la stipulazione di un contratto di locazione. Valutata la concreta capacità lavorativa, considerata necessaria una dimora accogliente e pulita, la Corte si è orientata per la revoca dell’affidamento provvisorio. Il Tribunale aveva tentato di sottrargli i figli per ben tre volte, ma la caparbietà di un padre testimonia l’opposto risultato raggiunto. Lo status di ex detenuto non implica una presunta considerazione negativa sull’essere genitori. Essere padri è un diritto naturale e in quanto tale va tutelato; in alcuni casi anche ampiamente rispettato. Un’attenta analisi sociologica dimostra che numerosi minori, figli di genitori in stato di libertà, subiscono maggiori conseguenze pregiudizievoli.

Tratto da http://it.blastingnews.com/cronaca/2016/05/adozione-inevitabile-dei-figli-dei-detenuti-la-cassazione-in-alcuni-casi-dice-no-00915357.html

Una risposta a ADOZIONE INEVITABILE DEI FIGLI DEI DETENUTI? LA CASSAZIONE IN ALCUNI CASI DICE NO

  • Salvatore Maccarrone scrive:

    Bene ha fatto la Cassazione che dovrebbe nel contempo punire i fautori di quella richiesta stante che non si comprende su quali basi studi ed osservazioni di fatto si sostiene l’incapacità del padre a prendersi cura dei figli. Quella sarebbe stata una pena ulteriore e più dura inflitta al padre . Tali vicende dimostrano in che Stato persona viviamo. C’è d’aver paura di gente di tale spessore morale. Inoltre non ci si rende conto che si entra in un mondo intimo di sentimenti cui allo Stato non dovrebbe entrare. Tutto questo è gravissimo, incivile e persino delinquenziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Gen
28
mar
14:30 TAVOLA ROTONDA Questioni di fine... @ Firenze, Palazzo di Giustizia
TAVOLA ROTONDA Questioni di fine... @ Firenze, Palazzo di Giustizia
Gen 28@14:30–18:30
TAVOLA ROTONDA Questioni di fine vita Il c.d. suicidio assistito Le decisioni della Consulta 242/19 e della Corte Appello Milano 23.01.2020 @ Firenze, Palazzo di Giustizia
A distanza di poco più di 2 anni dall’approvazione della legge 219/17 su Consenso informato ,DAT e pianificazione condivisa delle cure, la Consulta chiamata a pronunciarsi sulla legittimità costituzionale dell’art 580 del c.p. sollevato nel[...]
Gen
31
ven
15:00 ” La tutela dei diritti della pe... @ Paola, Palazzo di Giustizia
” La tutela dei diritti della pe... @ Paola, Palazzo di Giustizia
Gen 31@15:00–18:00
" La tutela dei diritti della persona minorenne nella famiglia divisa" @ Paola, Palazzo di Giustizia
L’evento è accreditato presso l’Ordine degli Avvocati di Paola. La partecipazione è gratuita e dà diritto a n. 2 crediti formativi. manifesto 31 gennaio 2020Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Feb
14
ven
14:30 Convegno “Codice Rosso”: Analisi... @ Tribunale Napoli Nord, Sala Livatino
Convegno “Codice Rosso”: Analisi... @ Tribunale Napoli Nord, Sala Livatino
Feb 14@14:30–18:00
Convegno "Codice Rosso": Analisi e criticità della Legge n. 69/2019 con profili deontologici @ Tribunale Napoli Nord, Sala Livatino
Evento in fase di accreditamento al COA di Napoli Nord. Condividi...Facebook0TwitterLinkedin
Feb
21
ven
15:45 Maratona diritto penale e proced... @ Termoli, Università del Molise
Maratona diritto penale e proced... @ Termoli, Università del Molise
Feb 21@15:45–18:30
Maratona diritto penale e procedura penale: il penalista tra riforme e deontologia. Codice rosso e prassi @ Termoli, Università del Molise
Sono previsti 4 crediti formativi di cui uno di deontologia. Condividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio