Il Tribunale per i Minorenni di Brescia ha emesso di recente due provvedimenti portatori di valori similari, ma con risultati completamente opposti.


Il primo decreto del 29.9.06 ha stabilito come l’adozione di un minore, ottenuta da una coppia omosessuale in Massachussets, non può essere trascritta alla luce dell’attuale normativa esistente nel nostro ordinamento giuridico. Il TM ha motivato tale provvedimento rilevando che non può essere consentita la costituzione di un legame tra una coppia dello stesso sesso ed un minore, in quanto contrario ai nostri principi etici e sociali. Parimenti, il TM di Brescia, ha fornito uno spunto per altre tipologie di adozione, preannunciando il successivo decreto ed aprendosi alla trascrivibilità di tali provvedimenti pronunciati all’estero, in favore di coppie di fatto o persone single.


Seguendo questa linea, il Tribunale per i Minorenni di Brescia, nel decreto del 31.10.06,  ha stabilito che l’adozione del single ottenuta all’estero (nella specie di donna italiana che da due anni viveva in Equador) non collide con i principi di ordine pubblico italiani, considerando che la stessa non genera un grave turbamento dell’ordine sociale né contrasta le basi etiche della nostra convivenza sociale.


La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display



codice rosso

Convegno Ami 29 e 30 Novembre 2019

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio