Ha fatto molto scalpore negli Stati Uniti la notizia di una coppia di coniugi Elen e James Briggs che ha deciso di restituire il loro figlio adottivi, ormai sedicenne.

Alla base di tale triste decisione la coppia ha dichiarato che l’adolescente, negli ultimi anni, aveva offerto evidenti segnali di squilibrio mentale, fino al punto di molestare sessualmente, nel 2003, un bambino di 6 anni ed una bambina di 2.

I due coniugi hanno denunciato i responsabili di tale adozione per aver mentito sulla malattia mentale del minore adottato.

Grande scandalo, dunque, ma anche l’ostacolo rappresentato dalla circostanza che il bambino ha rifiutato di essere “disadottato”.

In America, infatti, in casi come questi, perché un bambino venga “restituito” occorre necessariamente il consenso di quest’ultimo.

La notizia di cui sopra ci riporta ad un caso accaduto nella provincia di Napoli laddove, una coppia ha rinunciato all’adozione di una minore proveniente dall’Est europeo, gravemente affetta da problemi mentali. La coppia, infatti, ha dichiarato di aver adottato questa bambina dopo che le Autorità del Paese di provenienza di quest’ultima aveva sminuito le turbe psichiche della minore, senza informare correttamente la coppia.

A differenza degli Stati Uniti, in Italia non serve il consenso del minore per la “disadozione”. Per cui è sufficiente, ai sensi della L.184/83, che una coppia dichiari, con motivi sufficientemente apprezzabili, di non intendere più continuare l’adozione del minore. A quel punto il Tribunale per i Minorenni non può fare altro che sospendere la potestà genitoriale dei due genitori adottivi ed affidare la minore ad una casa famiglia. Resta però in piedi l’obbligo dei genitori rifiutanti al mantenimento del minore.

Aldilà di ogni considerazione sono facilmente prevedibili i danni che un minore subisce in casi come questi, considerando l’ennesimo stato di abbandono e di rifiuto di cui è incolpevole vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  •  Vito
    "Io sono d'accordo con te nel riunirci tutti e farci... "
    Leggi tutto...
  •  Francesco Palo
    "Buongiorno, sono piacevolmente “sorpreso” in quanto ho letto, perché sembra... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Congresso AMI 2017

Congresso AMI 2017

Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

Convegno Ami 4 ottobre 2019

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio