L’audizione dei minori, nei procedimenti giurisdizionali che li riguardano, è un adempimento necessario salvo il mancato ascolto non sia giustificato dal loro superiore interesse.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 21662/12; depositata il 4 dicembre)

Lo ha confermato la Corte di Cassazione con la sentenza n. 21662, depositata il 4 dicembre.
Il caso. I giudici di primo e secondo grado non avevano avuto dubbi nel dichiarare lo stato di adottabilità di 2 bambine che, seguite fin dalla nascita dai servizi sociali, avevano presentato evidenti segni di trascuratezza e incuria, produttivi di ritardi e carenze del loro sviluppo neuro evolutivo, a causa dei notevoli limiti delle figure genitoriali.
Figlie trascurate. In particolare, dall’esame peritale era emerso che i due genitori, anche a causa di un vissuto molto traumatico, non erano in grado di percepire nemmeno i bisogni delle figlie, le quali avevano evidenziato grandi miglioramenti solo grazie alle cure ed attenzioni ricevute in comunità.
È per questi motivi che la Corte d’appello aveva rigettato la richiesta dei due coniugi di revocare l’adottabilità e l’affidamento etero familiare temporaneo delle minori.
A ricorrere per cassazione è il padre delle bambine, che ritiene integrata la nullità assoluta dei due gradi di giudizio per non essere stata disposta l’audizione delle minori.
Audizione delle minori non disposta … La S.C., da una parte riconosce che l’audizione del minore nei procedimenti che lo riguardano è stabilita, in via generale, nelle convenzioni internazionali sui diritti fondamentali (Convenzione di New York sui diritti del fanciullo del 20/11/1989 ratificata con l. n. 176/1991; Convenzione di Strasburgo sull’esercizio dei diritti dei minori del 25/1/1996 ratificata con l. n. 77/2003), dall’altra sottolinea l’orientamento delle Sezioni Unite sull’argomento (Cass., SSUU, n. 22238/2009), confermato anche da altre pronunce (Cass., n. 14216/2012 e n. 1838/2011). Nello specifico, tale orientamento ha stabilito che «l’audizione dei minori, nei procedimenti giurisdizionali che li riguardano, è un adempimento necessario salvo il mancato ascolto non sia giustificato dal loro superiore interesse».
… le bambine sono troppo piccole e immature. In conclusione, secondo gli Ermellini, nel caso di specie, «l’omessa audizione diretta delle minori davanti al Tribunale per i minorenni, risulta pienamente giustificata dalla tenerissima età delle stesse (quattro e tre anni) e dal grado di maturità correlato all’età» e dalle conclusioni della consulenza tecnica d’ufficio. Per questi motivi, quindi, il ricorso viene rigettato. 

 

Diritto e giustizia.it

0 risposte a Adottabilità: troppo piccole per parlare in udienza.

  • marialberti scrive:

    sarebbe una decisione giusta e saggia. i bambini dovrebbero essere lasciati il più possibile fuori dai tribunali. inoltre sono troppo condizionabili e ricattabili dagli adulti. il problema è che al contempo le figure che dovrebbero difendere i loro interessi (servizi sociali, psicoterapeuti e giudici) troppo spesso fanno più danni che bene.

Rispondi a Daniela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio