Trento – Una volta si diceva “tra moglie e marito non mettere il dito”. Oggi sarebbe più giusto cambiare il vecchio detto popolare in “tra moglie  e marito non mettere il gatto”. Già perché sempre più spesso gli animali domestici sono quelli che pagano il conto delle liti e dei divorzi fra fidanzati e coniugi. Stavolta la vicenda si svolge a Trento. Ci sono un marito, una moglie e, ovviamente, un gatto. Anzi: una gatta. La micia gode ottima salute e da tempo vive beatamente nella casa dei suoi due amici a due zampe. I quali non godono affatto di beatitudine. Da bravi marito e  moglie si scannano in liti sempre più aspre finché non decidono di arrivare al divorzio. Ma neanche a questo punto i rapporti fra i due quasi ex-coniugi migliorano e cominciano le vendette più o meno palesi. E proprio per vendetta decidono di far sopprimere la povera gatta. Prima la vogliono tutti e due. Poi, no, non la vuole nessuno dei due. Infine: se uno dei due la vuole, arriva l’altro che la reclama. Insomma: la gatta passa inesorabilmente dal ruolo di tenera compagna ad un’arma tagliente. Morale: la gatta viene soppressa malgrado diverse persone fossero pronte ad adottarla offrendole una nuova casa e tanto affetto. Dei due ex coniugi non si hanno notizie.


Metronews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio