Il dato di Salerno non è sicuramente in controtendenza rispetto a quello nazionale, ma le statistiche parlano chiaro, nella città campana ci si separa di più rispetto alle altre realtà meridionali.


Nel 2000 si registravano appena 472 casi di coppie separate in tutta la provincia, oggi se ne contano ben 1196, mentre i divorzi sono aumentati del 65%.


Anche in provincia di Salerno il matrimonio dura mediamente 15 anni e il periodo della crisi coniugale intercorre tra i 35 e i 44 anni d’età dei coniugi.


Dato importante da evidenziare è che in provincia di Salerno ci si sposa di più rispetto alla media nazionale. Nel 2010 sono stati circa 5000 i matrimoni celebrati. Segnale che nella città campana il matrimonio è un’istituzione ancora molto sentita.


Avv. Claudio Sansò


Presidente AMI SALERNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 15:00 alle 18:00), moduli formativi[...]
Apr
21
mer
17:00 Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Apr 21@17:00–19:30
Quando un figlio rifiuta un genitore. Alienazione parentale e disfunzioni relazionali @ webinair
Accreditato con tre crediti formativi. Webinair sulla piattaforma google meet. locandina 21 aprile pdfCondividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio