L’episodio gravissimo di stamane a Reggio Emilia dimostra quanto il diritto di famiglia, ormai, sia diventato complesso e pericoloso. Anche per l’ordine pubblico.
Non è la prima volta che accade un simile episodio durante una procedura di separazione. Ma perchè e come possono accadere cose del genere?


Le cause di tali fatti possono essere le più disparate. E’ certo che già la separazione è di per sè un trauma (e il diritto di famiglia è una cosa molto seria). Quando a questo trauma fisiologico se ne aggiungono altri come, il dramma di chi subisce la decisione dell’altro coniuge di separarsi, la durata di una causa, il livello non eccelso di avvocati e magistrati, l’assenza di una politica per il sostegno delle famiglie in difficoltà, la tragedia può esplodere. 


Liquidare la tragedia di oggi sostenendo che si è trattato solo di un momento di follia è quanto di più sbagliato possa esistere. Accanto alla follia di un assassino, vi è il concorso della follia di un sistema malato ed incosciente dove tutti siamo in qualche modo colpevoli. Molti nostri Tribunali sono indecenti, i tempi per avere una sentenza sono biblici, molti addetti ai lavori (avvocati e magistrati) trattano il diritto di famiglia come l’infortunistica stradale senza conoscere niente di questa delicatissima materia. Vi sono a volte sentenze inaccettabili che alimentano i conflitti anzichè ridurli.       


E’ arrivato il momento di stare attenti.
Vi è troppa improvvisazione da parte della Giustizia.
Occorrono tecnici preparati, avvocati che sappiano mediare, magistrati specializzati e non tuttologi.
E poi c’è la questione della sicurezza dei nostri Tribunali.
Come è potuto accadere che in un Tribunale oggi un marito possa avere introdotto una pistola e fare fuoco contro tutto e tutti?
Quali misure di sicurezza sono state apportate affinchè un evento tanto grave potesse essere evitato?
Gli avvocati possono continuare a lavorare in queste condizioni?
Insomma i problemi da analizzare e risolvere sono tanti.
Ma la situazione resta grave. Un appello ai colleghi che si occupano di diritto di famiglia va fatto.
Bisogna che tutti noi impariamo ad essere prudenti, professionali e preparati.
Anche la redazione di un nostro atto, oltremodo offensivo e/o temerario nei confronti della controparte, può produrre reazioni devastanti.
C’è ancora una significativa parte di avvocatura che accetta incarichi delicati senza la necessaria competenza.
Ovviamente dinanzi alle gesta di un pazzo è difficile trovare spiegazioni. La pazzia non è gestibile,ma è anche stuzzicata dalle nostre carenze ed inadeguatezze.


In ogni caso,a nome dell’AMI, sento l’obbligo di esternare la mia solidarietà alla Collega Giovanna Fava, oggi ferita a seguito della sparatoria, mentre stava espletando il suo sacro ruolo di Avvocato.


.
      Avv. Gian Ettore Gassani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

Mar
12
ven
15:00 Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Master in diritto penale di fami... @ Webinar - Roma
Mar 12@15:00–Ott 29@18:00
MASTER DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA Master a cura dell’AMI (Associazione Matrimonialisti Italiani) in collaborazione con StudioCataldi.it – In Videoconferenza su ZOOM Dal 12 marzo 2021 al 29 ottobre 2021 (ogni venerdì dalle 15:00 alle 18:00), moduli formativi[...]
Apr
21
mer
17:00 Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Quando un figlio rifiuta un geni... @ webinair
Apr 21@17:00–19:30
Quando un figlio rifiuta un genitore. Alienazione parentale e disfunzioni relazionali @ webinair
Accreditato con tre crediti formativi. Webinair sulla piattaforma google meet. locandina 21 aprile pdfCondividi...Facebook0TwitterLinkedin

AMI TV

Iscriviti alla newsletter dell'AMI

Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio