06

Il Ministero dell’interno ha emanato una interessante circolare (n. 33/2012) sul delicato tema del riconoscimento dei figli naturali. Il documento analizza, interpreta e chiarisce i contenuti della Legge 10 dicembre 2012, n. 219, in merito al riconoscimento dei figli naturali e ai riflessi giuridici sullo stato civile derivanti dal superamento, nell’ordinamento nazionale, di ogni diseguaglianza normativa tra figli legittimi e figli naturali, in virtù del principio della unicità dellostatus di «figlio», con conseguenti, significativi riflessi giuridici nella materia dello stato civile. E’ proprio con riguardo a tali riflessi che il Ministero ha richiamato l’attenzione degli operatori con la circolare n. 33/2012.

La nota, firmata dal direttore centrale per i servizi demografici, si concentra sui seguenti aspetti:
ariconoscimento: la nuova legge ha integralmente riformulato l’art. 250 c.c. disponendo, tra l’altro, la riduzione da 16 a 14 anni dell’età a partire dalla quale il riconoscimento del figlio nato fuori dal matrimonio non produce effetto senza il suo assenso e l’età al di sotto della quale il riconoscimento non può avere effetto senza il consenso dell’altro genitore che abbia già effettuato il riconoscimento. Ciò implica che, a partire dal 1° gennaio 2013, gli ufficiali di stato civile non possono ricevere il riconoscimento di un figlio naturale infraquattordicenne in mancanza del consenso del genitore che lo abbia già riconosciuto; parimenti, se il figlio ha compiuto i 14 anni, il riconoscimento è ricevuto dall’ufficiale dello stato civile ma non produce effetto senza il suo assenso.
Il quinto comma dell’art. 250 c.c., che richiede il compimento dei 16 anni per i genitori che intendano effettuare il riconoscimento, è modificato con l’aggiunta dell’inciso «salvo che il giudice li autorizzi,valutate le circostanze avuto riguardo all’interesse del figlio», in tal modo consentendo al genitore infrasedicenne, a partire sempre dal 1° gennaio 2013, di compiere l’atto di riconoscimento del figlio, in presenza dell’autorizzazione giudiziale. Ciò determina per l’ufficiale dello stato civile, dalla predetta data, la possibilità, prima non contemplata dall’ordinamento, di ricevere un atto di riconoscimento compiuto da genitore infrasedicenne, atto che dovrà essere accompagnato dalla copia autentica del provvedimento giudiziale di autorizzazione;
babrogazione delle disposizioni legittimazione dei figli naturali: l’art. 1, co. 10, della L. 219/2012 dispone l’espressa abrogazione della Sezione Il del Capo II del Titolo VII del Libro Primo del codice civile (Della legittimazione dei figli naturali) (artt. 280-290 c.c.), essendo venuta meno, anche dal punto di vista formale e letterale, ogni differenza tra la prole, con conseguente irrilevanza di tutte le norme che prevedevano la «legittimazione» e ne disciplinavano la procedura. Pertanto, a far tempo dall’entrata in vigore della legge, nell’ipotesi di genitori che riconoscano il figlio nell’atto di matrimonio, fattispecie finora espressamente prevista e disciplinata dall’art. 283 c.c., in relazione all’attribuzione del cognome si applica l’art. 262 c.c. (Cognome del figlio), non potendo più ricorrere l’ipotesi contemplata nel D.P.R. 396/2000, all’art. 33 (Disposizioni sul cognome), al comma 1, prima parte («IIfiglio legittimato ha il cognome del padre»);
cmodifiche alle norme regolamentari in materia di stato civile: l’art. 5, co. 2, della L. 219/2012 interviene a sostituire l’art. 35 del D.P.R. 396/2000 in materia di stato civile, prevedendo, in continuità con le regole consolidate nella materia, che «il nome imposto al bambino devecorrispondere al sesso può essere costituito da uno o più nomi, anche separati, non superiori atre». Nel caso in cui siano imposti due più nomi separati da virgola, in luogo della originaria previsione, si dispone che negli estratti nei certificati rilasciati dall’ufficiale dello stato civile edall’ufficiale di anagrafe deve essere riportato solo il primo dei nomi (comma 2 dell’art. 35 novellato). Sul punto la circolare chiarisce che la novità non opera retroattivamente, ma è operativa solo a partire dal 1° gennaio 2013. In altri termini, la sostituzione normativa non può determinare la modifica retroattiva del nome, come attribuito alla persona negli atti di stato civile formati in epoca antecedente alla data di entrata in vigore della legge, così salvaguardandosi l’identità personale acquisita dal soggetto. Ai medesimi fini di salvaguardia, anche i certificati e gli estratti rilasciati dopo l’entrata in vigore della legge, se relativi ad atti formati antecedentemente, dovranno continuare ad essere emessi con i criteri vigenti prima della riforma.
Con riguardo specifico a tale modifica, il Ministero si raccomanda agli ufficiali di stato civile invitandoli a dare esaurienti indicazioni ai genitori, in sede di dichiarazione di nascita del figlio, in particolare evidenziando chiaramente che la virgola, eventualmente apposta, comporterà che i prenomi posti dopo tale segno non compariranno nelle certificazioni e nei documenti identificativi della persona.

Tratto da diritto.it

scarica la Circolare_33-2012



Potrebbero interessarti anche questi:


2 risposte a Parificazione dei figli. Ecco la circolare esplicativa del ministero degli interni.

  • Pietro scrive:

    Un Padre che non vede suo figlio da quasi un anno nonostante ci sia l’affido congiunto,ma non potendo adempiere al dovere di mantenimento usa il minore come arma contro il padre.
    Uno dei casi più emblematici di uomini finiti in miseria per una giustizia a senso unico
    quando si concede l’affido congiunto se non si fanno periodici controlli dagli assistenti sociali è tutto inutile,nonostante il diritto di mantenere il rapporto continuativo con il minore mentre l’altro coniuge oltre non farmi avere più contatti condizione il minore facendogli credere che il padre l’ha abbandonato . Questa è giustizia? è tutta una
    buffonata. Poneteci un pò di umanità,basterebbe che gli assistenti sociali si parlassero tra loro perché sono di due paesi diversi,ma esistono i telefoni.non posso rivolgermi ogni volta al tribunale dei minori. Oltre l’umiliazione del licenziamento e la disgrazia di essere vittima di mobbing,e il non avere un alloggio per poter vivere dignitosamente e poter accogliere l’altra figlia che è maggiorenne e perciò possiamo vederci quando ci pare ( se avessi un’abitazione per poterla ospitare.Mi rivolgo a chi ha in minimo di umanità tra le istituzioni preposte.La Giustizia non ha valore se oltre a eseguire sentenze che però nessuno controlla se vengono rispettate.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli
  • User Avatar Roberto
    "Sono 4 anni che la mia ex mi fa stolking... "
    Leggi tutto...
  • User Avatar Annalisa Marchese Ragona
    "Sono Annalisa, madre di due figli, oggi di 18 e... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
feb
7
ven
18:00 Corso di formazione in “Grafolog...
Corso di formazione in “Grafolog...
feb 7 @ 18:00 – set 19 @ 18:30
Corso di formazione in “Grafologia Generale: dell’orientamento professionale, dell’età evolutiva, clinico-valutativa e  forense” Scadenza Presentazione Domande: 7 febbraio 2014Sono aperte le registrazioni per l’immatricolazione (Vedi Bando)(Sede Istituzionale: “Sapienza” Università di Roma) 5 Crediti Formativi Universitari[...]

Vedi calendario

Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio
La Corte Costituzione dichiara incostituzionale il divieto della fecondazione eterologa. Che ne pensi?
E’ giusto, non si deve limitare il diritto alla maternità;
E’ necessaria un intervento del legislatore che ne limiti la possibilità;
Non sono d’ accordo, la fecondazione deve essere solo omologa.
Visualizza Risultato
See all polls and results