whatsapp1

“L’infedeltà nella coppia è sempre più tecnologicamente assistita”, così l’avv. Gian Ettore Gassani, presidente dell’Associazione degli Avvocati Matrimonialisti Italiani.

 

“Nel mondo occidentale e soprattutto in Italia – spiega il matrimonialista – i social network stanno contribuendo a sfasciare molte famiglie, perché rappresentano un sistema veloce ed immediato per intrattenere rapporti interpersonali, allacciare nuove amicizie e tradire il partner.”

 

E continua: “Ovviamente non è lo strumento in sé a fare del male, ma è indubbio che amplifichi a dismisura le voglie e le possibilità del fedifrago seriale e di quello occasionale. Secondo una indagine del Centro Studi dell’AMI, basato sull’incrocio dei dati provenienti da molti studi legali, WhatsApp ha superato Facebook in termini di “pericolosità”. Tanto è vero che nel 40% dei casi le infedeltà si scoprono ormai con WhatsApp, che è un modo, ancora più rapido di Facebook e di Twitter, per mandare messaggi ed immagini in tempo reale e a costo zero. Pertanto WhatApp non solo porta all’appuntamento con l’amante ma anche all’appuntamento davanti al giudice.”.

 

Infine: “Controversa è l’utilizzabilità dei messaggi su WhatsApp, che di solito il tradito fotografa e allega come prova dell’adulterio. Sul punto la Giurisprudenza non è univoca e costante, seppure molti Tribunali ammettano messaggini, cuoricini e faccine come dimostrazione del tradimento. Perciò attenzione…un cuoricino o uno smile di troppo possono costare risarcimenti, appartamenti e anni di causa”.



Potrebbero interessarti anche questi:


Una risposta a L’infedeltà coniugale tecnologicamente assistita (nel 40% causa di divorzi in Italia)

  • nicola scrive:

    andrebbe approfondita seriamente questa frase”:
    “Controversa è l’utilizzabilità dei messaggi su WhatsApp, che di solito il tradito fotografa e allega come prova dell’adulterio. Sul punto la Giurisprudenza non è univoca e costante, seppure molti Tribunali ammettano messaggini, cuoricini e faccine come dimostrazione del tradimento”.

    sentenze in merito?
    quando si incorre in volazione della privacy e quando no?
    questa prova quando e in quali circostanze è davvero ammissibile ?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi i prossimi articoli dell'AMI
Inserisci la tua email:

Poi, inserisci il codice di verifica e completa l'iscrizione. Ricordati di cliccare anche sul link di conferma che riceverai nella tua email.


Commenti agli articoli

No Banner to display

  • User Avatar Samantha Metzger
    "Rivelare l'identità del proprio ex amante sulla propria pagina Facebook... "
    Leggi tutto...
  • User Avatar stefania
    "Salve, ho trovato questo articolo, e volevo solo farvi nota,... "
    Leggi tutto...
  • Dopo »


Vi dichiaro divorziati

Gian Ettore Gassani Presidente Nazionale AMI

AMI riconosciuta dal Consiglio Nazionale Forense - Leggi il provvedimento del CNF
Iscriviti alla newsletter dell'AMI
Ricevi nella tua casella di posta elettronica tutte le novità dell'AMI.
Rispondi al sondaggio
Unioni civili: il Parlamento è pronto a varare la legge. Che ne pensi?
Una legge giusta. Tutti devono avere gli stessi diritti.
Non vi è una reale equiparazione con i diritti delle coppie coniugate.
Una legge sbagliata. La consacrazione del matrimonio vale solo per le coppie etero.
Visualizza Risultato
See all polls and results